Il secondo giorno di Obama a Laglio tra divieti e controlli: il grazie del sindaco foto

Il primo cittadino mette in evidenza il grande lavoro di Questura e forze dell'ordine in queste ore. Ed aggiunge:"Tutto è andato nel migliore dei modi"

Inizia il secondo giorno a Laglio per l’ex presidente Usa e famiglia. E a Villa Oleandra, come già ieri, controlli serrati e divieti. Disagi tutto sommati limitati per i cittadini che, più che infastiditi, si dimostrano curiosi per la vetrina mondiale del paese: riflettori di Tv e fotografi di tutto il mondo puntati sul Lario fino a domani quando Obama lascerà il territorio.

laglio vista dall'alto post del sindaco

Il queste ore anche il post di ringraziamento sulla sua pagina di Facebook del sindaco del paese, Roberto Pozzi, accompagnato da una bella foto del paese dall’alto e da una in cui sono ritratti uomini e donne delle forze dell’ordine schierati al completo. Ecco le sue parole

L’ex Presidente degli Stati Uniti d’America Barak OBAMA è giunto con la sua famiglia a Laglio. 
Tutto si è svolto nel migliori dei modi e con la massima tranquillità.
Il merito è dell’organizzazione scrupolosa organizzata dalla Questura di Como.
Ma un grazie grande va agli uomini e alle donne di tutte le Forze dell’Ordine che da stamane e per 3 giorni si faranno carico di garantire all’illustre ospite la massima sicurezza ed ai cittadini il minor disagio possibile. GRAZIE RAGAZZI.

 

Oggi relax tra cibo e sole per l’ex presidente Usa. Difficile poter dire se si sposterà – con tutto il corteo di auto al seguito – verso qualche località della zona. Imponente il servizio d’ordine, ma anche massimo riserbo su cosa faranno Obama e l’amico Clooney. Sembra confermato che ieri sera hanno visto assieme lo spettacolo dei fuochi dell’Isola Comacina.

 

 

https://video.repubblica.it/edizione/milano/lago-di-como-laglio-blindata-per-l-arrivo-di-obama-disagi-per-noi-george-clooney-e-un-amico/337889/338492