Quantcast

Iubilantes apre per le visite l’ex Ticosa, l’acquedotto e i segreti delle basiliche

Più informazioni su

Dopo l’esordio milanese e il bel week end appena concluso a Cantù, l’iniziativa MONUMENTI APERTI PER UNA CITTA PER TUTTI,che vede capofila di una rete di organizzatori l’Associazione Iubilantes , torna il prossimo 31 maggio e   1 – 2 giugno a Como, in stretta sinergia con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti di Como e con la partecipazione degli studenti del Liceo classico “A. Volta” in Alternanza Scuola lavoro.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra la cagliaritana Imago Mundi e la comasca Iubilantes, entrambe vincitrici del prestigioso Premio Europa Nostra, massimo riconoscimento per enti distintisi per speciali meriti culturali. Scopo del progetto MONUMENTI APERTI PER UNA CITTA PER TUTTI  è la valorizzazione del patrimonio culturale delle nostre città attraverso un ricco ventaglio di iniziative all’insegna dell’approccio inclusivo, lento, sostenibile e accessibile a tutti delle città e dei monumenti.

Il week end sarà aperto, venerdì 31 maggio, da due eventi speciali: al mattino l’apertura al pubblico dell’impianto di potabilizzazione dell’acquedotto di Como, con visite curate dai tecnici dell’acquedotto, e dove, alle 11:00 avrà luogo la conferenza stampa di presentazione di tutti gli altri appuntamenti. Al pomeriggio l’apertura al pubblico – con visite guidate dagli enti ospiti – dell’edificio ex Ticosa ora sede delle redazioni di Corriere   di Como e Espansione TV.

I monumenti valorizzati nei giorni 1 e 2 giugno saranno il Museo “P. Giovio” la cui sezione romana sarà oggetto di speciali visite tattili “al buio” curate da guide non vedenti, e le due basiliche di S. Carpoforo e S. Abbondio collocate   sull’asse della via Regina, tratto della più ampia via FRANCIGENA RENANA.

 

Elenco e orari DETTAGLIATI 

Venerdì 31 maggio

Impianto di potabilizzazione di Como – Via Castel Baradello

  • ore 10:00-13:00: apertura dell’impianto con visite guidate dai tecnici dell’acquedotto, gestito dalla società ACSM AGAM Reti Gas Acqua. Accoglienza in sala video e inizio del percorso di visite, a gruppi (20 persone circa), su prenotazione; previsto anche un percorso di visita “dedicato” per i non vedenti di UICI COMO
  • Ore 11:00 conferenza stampa con presentazione generale degli eventi “MONUMENTI APERTI PER UNA   CITTA’ PER TUTTI” in Como e con presenza ufficiale degli Enti coinvolti.

Venerdì 31 maggio

Redazione Corriere di Como e Espansione TV -Via S. Abbondio 4, –   ore 17:00

Apertura speciale della sede delle Redazioni e visita guidata all’edificio, parte superstite dell’ex Ticosa e interessante monumento di archeologia industriale.

 

Sabato 1 giugno

  • Museo Archeologico “P. Giovio” – piazza Medaglie d’Oro: Sezione Romana: ore 10:00-12:00 // 15:00-17:00 visite guidate “al buio”, con guide non vedenti – A gruppi (20 persone circa), su iscrizione/prenotazione. In collaborazione con Museo Archeologico “P. Giovio”; a cura di Unione Italiana dei Ciechi e degli   Ipovedenti di Como
  • Basilica di S. Abbondio: ore 10:00-12:00 // 15:00-17:00 Dalla mappa al monumento, dalle tenebre alla luce: partendo dalla nuova mappa tattile della Basilica, visite con prima fase di esplorazione tattile “al buio” guidata da non vedenti e seconda fase “in chiaro” curata dalle giovani guide del Liceo “A. Volta; ore 15.30 Il tatto, la materia: incontro con lo scultore Abele Vadacca. A cura di UICI COMO e IUBILANTES
  • Basilica di S. Carpoforo: apertura, accoglienza e info a cura dei volontari Iubilantes 10:00-12:00// 15:00-18:00
  • SPECIALE Basilica di S. Carpoforo – Via San Carpoforo ,   ore 20:45  Basilica segreta. Letture, racconti, aperture speciali e approfondimenti con Docenti e Studenti del “Liceo Volta” e Volontari Iubilantes

 

Domenica 2 giugno

  • Museo Archeologico “P. Giovio” – Piazza Medaglie d’Oro: Sezione Romana: ore 10:00-12:00 // 15:00-17:00 visite guidate “al buio”, con guide non vedenti – A gruppi (20 persone circa), su iscrizione/prenotazione. A cura di Unione Italiana dei Ciechi e degli   Ipovedenti di Como.
  • Basilica di S. Abbondio –via Regina: ore 10:00-12:00 Dalla mappa al monumento, dalle tenebre alla luce: visite con prima fase di esplorazione tattile “al buio” guidata da non vedenti e ipovedenti e seconda fase “in chiaro” curata dalle giovani guide del Liceo “A. Volta”. A cura di A cura di UICI COMO e IUBILANTES
  • Basilica di S. Carpoforo, via San Carpoforo
  • ore 10:00-12:00 Prime pietre: visite guidate a cura degli studenti del Liceo “A. Volta” e dei volontari Iubilantes.
  • ore 15:00 – 17:00 Visite guidate e animazione a cura degli studenti del Liceo “A. Volta” e dei volontari Iubilantes; in collaborazione con il Coro A. Marelli di Capiago
  • ore 17:00 elevazione spirituale con canti liturgici gregoriani a cura del Coro A. Marelli di Capiago diretto dal M° Roberta Vanelli.

 

Per le visite si consigliano abbigliamento e scarpe comode. Le visite alle chiese sono programmate in modo da non interferire con le funzioni religiose. In alcuni siti la visita potrà essere parziale per ragioni organizzative o di afflusso.

Per ragioni organizzative, per tutte le visite guidate, anche dove non specificato,  è gradita iscrizione/prenotazione , da farsi possibilmente entro giovedì 30 maggio  seguendo le seguenti istruzioni

 

 

Per MUSEO GIOVIO e S. ABBONDIO

UNIONE ITALIANA DEI CIECHI E DEGLI IPOVEDENTI

Via Raschi 6 – 22100 Como

Tel. 031 570565 e-mail: uicco@uiciechi.it

 

Per  S. CARPOFORO, impianto potabilizzazione e Redazione Corriere di Como e Espansione TV /ex TiCOSA

IUBILANTES

Via G. Ferrari 2 -2 2100 Como

Tel. 031279684 e-mail iubilantes@iubilantes.it

L’iniziativa comasca è sostenuta dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, da Regione Lombardia – Politiche sociali, abitative e disabilità e da Enerxenia, società del gruppo ACSM AGAM. Gli eventi si svolgono con la collaborazione del Comune di Como e dei suoi Musei Civici e con il sostegno di ENERXENIA – ACSM AGAM. Collaborano al progetto anche la Rettoria della Basilica di S. Abbondio, la Parrocchia dei Ss. Brigida e Carpoforo e l’Istituto San Carpoforo.

Più informazioni su