Quantcast

Il blitz anti-droga nel Parco-Pineta: smantellati i bivacchi, marocchino arrestato foto

Operazione congiunta tra le forze dell'ordine delle province di Como e Lecco. I dettagli

Nella mattinata odierna, sulla scorta delle decisioni assunte in sede di Comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica svoltasi in forma congiunta lo scorso 15 aprile presso la Prefettura di Varese e presieduta dal Sottosegretario all’Interno Stefano Candiani, è stato effettuato un servizio coordinato finalizzato al contrasto dell’attività di spaccio in ambito boschivo nell’area del “Parco Pineta” nel territorio dei Comuni di Appiano Gentile (Como) e Tradate (Varese), al confine tra le province di Como e Varese.
Il servizio – la cui direzione è stata affidata a Funzionari della Polizia di Stato delle rispettive Questure – è stato svolto in perfetta sinergia tra le Forze di Polizia a competenza Generale, le Polizie locali dei Comuni interessati e i militari del Raggruppamento tattico Lombardia – Trentino Alto Adige (presenti nel capoluogo lariano nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”), con l’impiego di n. 100 operatori delle varie Forze di Polizia, ripartiti in n. 39 unità operative automontate, nonché di n. 2 elicotteri e n. 2 unità cinofile ed ha consentito di conseguire i seguenti risultati:
• n. 12 posti di controllo effettuati;
• n. 86 veicoli controllati;
• n. 141 persone identificate e controllate, di cui 5 cittadini extracomunitari;
• n. 1 cittadino di origine maghrebina arrestato;
• 250 gr. di sostanza stupefacente di varia tipologia sequestrata.
Nell’occasione, sono state effettuate perquisizioni personali e sono stati rimossi segni e tracce dei bivacchi presenti nel bosco ed utilizzati dai pusher.
Il servizio svolto ha permesso di accertare che l’area risulta ormai bonificata, giacché non è stata riscontrata la presenza di ulteriori accampamenti e rifugi di fortuna. Ciò è anche conseguenza dei numerosi servizi di controllo che l’Arma dei Carabinieri ha effettuato negli ultimi mesi e che hanno portato all’arresto di numerose persone e sequestro di stupefacente.
Da ultimo un significativo contributo è venuto dai servizi straordinari di controllo del territorio effettuati ininterrottamente dallo scorso mese di novembre, ai quali, come è noto, partecipano tutte le Forze di Polizia delle due province e le Polizie Locali dei Comuni interessati.