Come a marzo: gli studenti di Como ancora in strada per protestare per il clima foto

Venerdì mattina si parte dalla stazione e si finisce all'Ippocastano. Rivediamo le interviste di due mesi fa.

Come lo scorso mese di marzo. Ora il bis. Gli studenti ed i giovani di “Fridays for Future” tornano in strada a Como. Il movimento di protesta pacifica nato dalle azioni della 16enne svedese Greta Thunberg rilancia la sfida per fermare il degrado ambientale che sta erodendo sempre più il Pianeta e promuove un nuovo sciopero mondiale per venerdì 24 maggio, dopo il successo del primo, che lo scorso 15 marzo ha visto scendere in piazza milioni di ragazzi in 120 Paesi.

fridays for future

 

A Como la manifestazione, promossa con il patrocinio dell’Università dell’Insubria e che viene presentata domani, inizia alle 8.30 dalla stazione Como San Giovanni per concludersi verso le 12.30 al parcheggio Ippocastano. Nel pomeriggio, dalle 14 alle 18, è prevista una serie di interventi sui cambiamenti climatici nell’Aula Magna dell’Insubria in via Valleggio. I relatori saranno Gianluca Ruggieri, ingegnere ambientale e ricercatore all’Università dell’Insubria, Francesco Pizzagalli, delegato alla Sostenibilità di Confindustria Como, Alberto Gariboldi, presidente del Distretto di Economia Solidale di Varese, Elena Maggi, docente di economia e Mobility Manager dell’Ateneo.

Obiettivo sensibilizzare le autorità – anche comasche – sull’importanza di queste iniziative che toccano da vicino i ragazzi, preoccupati per la situazione del clima a livello mondiale e non solo comasco.