Como, passa il Santo Crocifisso e la città si ferma per la processione foto

Dalle ore 15 in corteo con vescovo e sindaco. Tradizione molto sentita dai fedeli. Quest'anno "giro corto" senza piazza Cavour.

Un venerdì santo molto intenso a Como. Alle ore 9.00: siamo invitati a pregare, in Cattedrale, la Liturgia delle ore con i Canonici del Capitolo. E poi oggi pomeriggio, come accade da secoli, il Crocifisso sarà portato in processione per le strade della città. A guidare la folla ci sarà il Vescovo, monsignor Oscar Cantoni. Quest’anno, secondo un’alternanza che ha comunque conosciuto deroghe per particolari ricorrenze, feste o anniversari, il carro del Crocifisso percorrerà il cosiddetto “giro corto”. Alle ore 15.00 la partenza dalla Basilica di viale Varese, poi un tratto del viale fino a via Cattaneo, svolta in via Cadorna e arrivo in via Milano all’altezza della chiesa di San Bartolomeo. Qui il Vescovo benedirà la città ricordando il miracolo avvenuto esattamente 490 anni fa, il 25 marzo 1529.

Era un giovedì santo e, all’epoca, era quello il giorno della processione. Si compiva il cosiddetto “giro delle sette chiese”, dirigendosi verso le chiese di santa Chiara e di san Rocco nell’allora borgo di san Protaso. Per proteggere la città dalle scorribande nemiche, il ponte sul Cosia, quindi poco oltre il monastero di San Bartolomeo, era sbarrato da una catena. Il capitano Lazzaro de Maino rifiutò l’apertura dei chiavistelli per lasciar passare la processione. A quel punto il confratello che portava il Crocifisso si piegò per consentirne il passaggio sotto le catene. Un braccio della Croce – quella in legno dorato che oggi viene portata in processione e precede il carro del Crocifisso – toccò la catena che si spezzò, così pure le pietre portanti del muro. A ricordo di quell’evento, un anello di quella catena ancora oggi è visibile sullo spigolo della chiesa di San Bartolomeo.

Dopo la benedizione, la processione riprenderà scendendo da via Milano fino a piazza Vittoria, dove svolterà su viale Cattaneo, per poi dirigersi su viale Varese e quindi rientrare in basilica. Qui il Crocifisso sarà riportato in cima al palco allestito per il bacio. Il Vescovo, monsignor Cantoni, pronuncerà l’omelia e, al termine, si svolgerà la cerimonia della riconoscenza, ovvero l’offerta del cero votivo della città di Como, per la miracolosa protezione dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. A portare il cero, in rappresentanza della città, sarà il sindaco Mario Landriscina. Il rito si concluderà con la benedizione da parte del Vescovo Oscar. Al termine della processione sarà possibile baciare il Crocifisso.

Il bacio del Crocifisso proseguirà fino a sabato 20 aprile, quando alle 15.00 ci sarà la solenne reposizione.

Ovviamente la giornata sarà difficile dal punto di vista del traffico. Polizia locale ed assessore alla viabilità invitano ad utilizzare i mezzi pubblici per spostarsi. Possibili code e rallentamenti fin dal primo pomeriggio. Le strade interessate dal passaggio del Crocifisso saranno chiuse al traffico pochi minuti prima.

 

Alle ore 18,30: solenne azione liturgica in Duomo. L’ingresso del celebrante è caratterizzato da una profonda austerità legata al tono dell’intera celebrazione: si ricorda la morte di Gesù.