Anche Forza Nuova svela le sue carte per le amministrative: Ferrara candidato

Il dirigente nazionale in lizza, ieri sera la presentazione. Ecco i punti chiave spiegati alla stampa

Dopo il Pd con Vincenzo latorraca, anche Forza Nuova presenta il suo candidato alle elezioni amministrative di Cantù. Incointro con la stampa ieri sera: subito dopo ha preso la parola Franco Liva segretario cittadino di Cantù che ha spiegato i motivi personali per i quali non sarà nuovamente candidato Sindaco a Cantù, ha inoltre espresso profonda indignazione per la brutta immagine data dalle notizie ulla presenza della ‘Ndrangheta in città. Ha infine passato il testimone, come prossimo candidato Sindaco a Cantù, a Salvatore Ferrara Coordinatore Regionale Lombardia e Dirigente Nazionale del Movimento.

Proprio dal processo di questi giorni è partito l’intervento di Salvatore Ferrara ponendo l’attenzione sulla totale assenza del Comune (avrebbe dovuto costituirsi come parte civile senza se e senza ma) e contro la tardiva protesta della minoranza fatta in questi giorni nell’aula del tribunale di Como con adesivi “siamo tutti canturini” (vera e propria propaganda elettorale a tutti gli effetti). “I politici devono essere esempio e metterci la faccia attivamente, quindi anche questa è un’occasione persa dai consiglieri comunali canturini! Con un forzanovista in Comune, tale “distrazione” non sarebbe accaduta!” ha spiegato Ferrara

Comunque per Ferrara l’assenza non è solo giuridica, ma è soprattutto sociale ed è per questo che sarà importante essere eletti nel prossimo Consiglio Comunale a Cantù, perché la politica forzanovista è impersonale, attenta, costante solo per il bene sociale della comunità. Il candidato Sindaco ricorda come a Cantù la presenza di Forza Nuova sia partita già dal 2007 con il primo gazebo in Corso Matteotti dove Ferrara e Liva furono “accolti” da scritte sui muri minacciose ed ingiuriose da parte antagonista.

Ma a Cantù Forza Nuova è sempre andata avanti negli anni sino al 2013 quando, grazie anche la correttezza dell’allora Sindaco Bizzozero che tenne duro nonostante le pressioni mediatiche e parlamentari, ci fu il primo Festival Boreal con oltre duemila presenze insieme a diversi politici nazionalisti internazionali.

Dopo questa breve premessa, viene esposto il programma elettorale di Forza Nuova per le elezioni amministrative a Cantù. Un programma snello e chiaro:

 

  1. SICUREZZA 

Con incremento delle passeggiate della sicurezza già fatte in questi anni, con volontari e coinvolgimento dei canturini.

 

  1. LOTTA “AL RAZZISMO CONTRO GLI ITALIANI”

Controlli serrati sanitari, fiscali etc a tutte le attività commerciali ed imprenditoriali straniere (a differenza della Lega per Forza Nuova l’immigrato che paga le tasse non è comunque ben accetto, inoltre ogni negozio aperto da un immigrato è un pezzo di territorio perso)

 

  1. SOVRANITÀ MONETARIA LOCALE

Creazione di una moneta complementare canturina da affiancare all’euro per risollevare l’economia interna

(dal 2012 già Ferrara a Como, ma anche a Verona ed Alessandria, Forza Nuova aveva ripreso e fatta sua l’idea del professor Auriti, a differenza del movimento 5 stelle che dopo anni di proclami da parte di Beppe Grillo, ha totalmente abbandonato tale idea per motivi di “compromessi politici”)

 

  1. DIFESA IDENTITARIA DI CANTÙ SENZA COMPROMESSI

 

  1. LOTTA ALLO SPACCIO

A partire dal parco Argenti e su tutto il territorio canturino.