Quantcast
Como

13° edizione dei corsi di scrittura creativa di Parolario. Martedì la presentazione

parolario corsi scrittura creativa

Riprendono il 2 marzo i corsi di scrittura narrativa organizzati da Parolario in collaborazione con Comocuore e tenuti da Andrea Di Gregrio. È dal 2013 che Parolario, nel segno della continuità di un progetto culturale che fa parte integrante della sua identità, ha un obiettivo molto chiaro: offrire a chi scrive l’opportunità di confrontarsi, conoscere tecniche, acquisire competenze, sentire crescere la scrittura dentro di sé e vederla realizzarsi sulla pagina.

Martedì 19 febbraio alle 18.30 nella sede di Comocuore in via Rovelli  ci sarà un incontro di presentazione dei corsi, sarà l’occasione per chiedere informazioni, ricevere chiarimenti e vedere che atmosfera c’è. La serata è aperta a tutti ed interverrà il docente Andrea Di Gregorio.
&nbsp

Incontro Andrea Di Gregorio per fargli qualche domanda su come guiderà coloro che desiderano sperimentarsi attraverso la scrittura che, grazie a Parolario, sta vivendo una stagione particolarmente felice nel nostro territorio.

parolario corsi scrittura creativa

&nbsp

Andrea, ormai sei al settimo anno come docente: come procede questa esperienza e cosa ti ha insegnato.

Mi ha insegnato molto. Innanzi tutto, che è giusto offrire a tutti la possibilità di mettersi alla prova, seriamente, con la scrittura. Io non credo affatto che la pratica dell’arte sia da riservare solo ai geni e a chi produrrà un capolavoro. Nessuno può sapere da dove verrà il prossimo capolavoro e, quindi, è importante che a chi lo desidera siano forniti gli strumenti tecnici e la preparazione di base per affrontare un’arte complessa come la scrittura.

Poi mi ha insegnato a essere rigoroso ed esigente con i miei corsisti ma anche molto aperto. Io voglio che le persone trovino il loro stile nella scrittura e che questa esperienza di apprendimento sia loro di stimolo, sia dal punto di vista culturale sia da quello esistenziale.

Infine, mi ha confermato in un’idea che ho sempre coltivato: ossia che il talento, da solo, non basta. Il talento va educato, coltivato, esercitato. Il talento va fatto lavorare e deve avere un maestro. Solo così potrà dare dei frutti. E la conferma la sto avendo con gli scrittori che stanno venendo fuori da questi corsi: non ultima tu, Sabrina.

 

C’è una persona tipo che si iscrive ai tuoi corsi oppure questo tipo di proposta può interessare tutti. 

Tutti possono essere interessati a questa proposta. Chi ha già un progetto letterario, chi invece vuole semplicemente mettersi alla prova, per curiosità o perché si è già cimentato con altre arti e ora desidera sperimentarsi con la scrittura.

 

Un buon lettore è un potenziale scrittore?

Diciamo che essere buoni lettori è condizione necessaria per essere scrittori, ma non sufficiente. In altre parole, non si può veramente scrivere bene se non si legge. Ma non tutte le persone che amano leggere sono attratte dall’idea di scrivere.

 

La scrittura richiede dedizione: il kit per l’apprendista scrittore.

Ci vuole costanza e dedizione. Poi è importante accostarsi alla scrittura con voglia di imparare, di confrontarsi con un pubblico (e nei miei corsi è proprio quello che propongo sin dalla prima lezione) e imparare ad ascoltare quel che un lettore esperto ha da dire. Dopodiché, è importante leggere molto e mettersi in discussione. Arrivare a risultati non dico “buoni” ma anche semplicemente “accettabili” non è facile.

 

Per far uscire “lo scrittore che è in te” quali sono gli strumenti di cui ti avvali nell’insegnamento?

Come ho detto, io desidero che le persone trovino in sé stessi il proprio stile. Per questo propongo sempre nuove letture, schemi, modelli di riferimento in modo che ognuno, sperimentando diverse strade, si affini in varie tecniche narrative fino ad arrivare a una miscela di capacità e competenze che lo contraddistingua, gli regali una sua identità letteraria, quell’elemento distintivo che è solo suo.

 

Rigore, creatività e dedizione: quale altro ingrediente dovrebbe mettere, nel suo piatto, uno scrittore?

Ovviamente la sincerità e la verità. Scrivere è difficile perché, diversamente da altre altri, la scrittura interpella direttamente la vita e l’esperienza dell’autore. Richiede, quindi, un guardarsi dentro e questo non è facile. E, attenzione: anche scrivendo un racconto di fantascienza o un thriller si parla, in un certo modo di sé stessi. E quindi anche in questo caso la sincerità e la verità sono elementi importanti.

Le lezioni saranno strutturate secondo tre proposte: da marzo a giugno i due corsi: ‘Racconto’ e ‘Leggere per scrivere’; da marzo a giugno (1° parte) e da settembre a dicembre (2° parte) il corso avanzato sul romanzo.

Martedì 19 febbraio alle 18.30 – sede di Comocuore di via Rovelli 8 a Como – appuntamento con Andrea Di Gregorio che presenterà il programma completo dei corsi e risponderà alle nostre domande.

Attenzione: i corsi sono a numero chiuso (max 14 partecipanti), e le iscrizioni resteranno aperte fino al 25 febbraio.

Ringrazio Andrea Di Gregorio e, per salutarlo, un’ultima domanda:

Qual è il progetto letterario a cui stai lavorando in questo momento?

Sai che i progetti letterari sono fragilissimi e sono tra le poche cose che vengono influenzate da pensieri errabondi, fluidi imprevedibili, dicerie inattese. Quindi, sì: sto lavorando a un progetto, ma non se ne può proprio dire nulla.

Grazie a te, Sabrina.

&nbsp

Saranno tre i corsi di questa tredicesima edizione

I primi due saranno articolati in 8 lezioni e termineranno in giugno:

“Corso base sul racconto”,

Leggere per scrivere corso di lettura creativa”.

 Mentre ilCorso avanzato sul romanzo” sarà articolato in 16 lezioni (di cui due individuali) e diviso in due sessioni (marzo – giugno e settembre – dicembre).

Nella prima sessione si analizzeranno le varie strutture e gli schemi del romanzo, si forniranno le basi per la costruzione dei personaggi, si analizzeranno i generi narrativi con l’obiettivo di arrivare alla stesura di un soggetto.

Nella seconda parte si passerà alla scrittura vera e propria, prima di un’eventuale sceneggiatura e poi anche dei primi capitoli del romanzo.

I corsi si terranno presso la sede di Comocuore in via Rovelli a Como: il corso base sul racconto si terrà il martedì dalle 18.30 alle 20.30, mentre il corso “Leggere per scrivere” il sabato pomeriggio dalle 14.30 alle 16.30 e quello sul romanzo dalle 16.30 alle 18.30.

Il calendario dettagliato e il programma dei corsi sono consultabili al sito www.parolario.it.

 

I corsi sono a numero chiuso (massimo 14 partecipanti e minimo 7 partecipanti).

La quota di partecipazione è di 330 euro (per 8 lezioni).

Per chi ha partecipato a uno dei corsi precedenti e per chi è in possesso della Card “Amici di Parolario 2019”, la quota è di 290 euro per 8 lezioni.

La quota di partecipazione alle due sessioni del corso avanzato sul romanzo (16 lezioni) è di 560 euro.

Le iscrizioni si chiudono il 25 febbraio.

È possibile iscriversi contattando la segreteria organizzativa di Parolario, Ellecistudio (Piazza del Popolo 14, Como) all’indirizzo email info@parolario.it o al numero di telefono +39.031.301037.

Sabrina Sigon

commenta