George Clooney e Amal, l’indiscrezione: “Stanno per divorziare”. Dall’attore la smentita “Storia totalmente inventata”

George Clooney e sua moglie Amal sarebbero in crisi. Sul web si mormora che una delle coppie più belle, discrete e patinate di Hollywood sia vicina al divorzio. A dirlo è il sito web Radaronline che ha raccontato della fuga dell’avvocatessa libanese, volata nella casa in Sardegna (probabilmente quella usata fino a pochi mesi fa durante le riprese di Catch 22), insieme ai due gemellini, Alexander ed Ella. Ma cosa sta succedendo a uno dei sex symbol di fama mondiale e alla sua splendida moglie?

George e Amal si sono sposati quattro anni fa a Venezia e messo al mondo due gemelli, la loro unione è sempre apparsa solida e matura, anche la scorsa estate sul Lago di Como hanno condiviso tranquilli momenti famigliari  e ricevuto amici nella villa di Laglio di proprietà dell’attore, ma, stando alle indiscrezioni del sito di gossip, pare che qualcosa nel loro idilliaco rapporto sia cambiato. Il magazine Radar On-line ha fatto trapelare addirittura, l’ipotesi di un divorzio imminente tra i due. La causa costerebbe all’attore statunitense quasi mezzo miliardo di euro

clooney_amal_tenerezze_645

Una fonte vicina a Clooney e Amal ha affermato: “George ha bombardato il cellulare di Amal perché vuole vedere i gemelli. Tra i due è scoppiata una lite furibonda e l’avvocatessa sarebbe scappata in Sardegna con Alexander ed Elia”. Il portavoce di George Clooney, intercettato da Hollywood life, ha però messo a tacere il rumor affermando: “La storia è totalmente inventata”.

A supportare l’indiscrezione del portavoce si aggiunge un altro gossip. Un’altra fonte vicina alla coppia ha spiegato che tra i due l’amore è più forte di quello che sembra dall’esterno, e sempre il portavoce di Clooney ha tenuto a precisare: “Amal vorrebbe avere un altro figlio. È da sempre impegnata ad aiutare chi soffre e per lei, avere in casa un bambino, è un qualcosa che la rende molto felice”. Per il momento nessuna comunicazione ufficiale da parte dei diretti interessati.