ASST Lariana: il DG Banfi presenta i progetti e i direttori ad interim della struttura foto

Le sue parole nei primi giorni di lavoro: impegno ed obiettivi tra urgenze ed eccellenze.

L’ospedale di Menaggio andrà riorganizzato e manterrà il ruolo di presidio per acuti. Il Sant’Anna, invece, vedrà un potenziamento nel settore dell’emergenza-urgenza, mentre per il Sant’Antonio Abate di Cantù si prevede l’attivazione del Blocco Operatorio entro l’autunno. Sono questi i temi principali affrontati dal nuovo direttore generale dell’Asst Lariana Fabio Banfi durante la conferenza stampa di inizio mandato svoltasi questa mattina nel presidio di San Fermo.

Il nuovo dg ha innanzitutto posto l’attenzione sull’azienda: “L’Asst Lariana è in continua crescita – ha sottolineato – e rappresenta almeno il 50% della rete di offerta del territorio. E’ un importante fattore di coesione sociale del Distretto Lariano che soddisfa i bisogni dei cittadini sia nell’ambito dell’emergenza-urgenza sia nell’ambito dell’attività programmata grazie a professionisti di alto profilo e a moderne dotazioni tecnologiche. L’assetto si è ora ampliato con l’assegnazione dell’ospedale di Menaggio e con  i servizi del Medio Lario e questa è un’importante e ulteriore opportunità di sviluppo”.

Le nomine

Il dg, che incontrerà nelle prossime settimane il personale dei presidi aziendali e territoriali, ha annunciato anche la nomina del direttore sanitario ad interim Domenico Pellegrino, primario di Geriatria e direttore del Dipartimento Medico, e del direttore socio-sanitario, a seguito del pensionamento di Vittorio Bosio, che sarà Anna Michetti, direttore del Daps – Direzione aziendale delle professioni sanitarie. I due professionisti, cosi come il direttore amministrativo Salvatore Gioia, resteranno in carica fino alla nomina della nuova Direzione strategica e comunque non oltre il 28 febbraio 2019.

Le progettualità in agenda

Per l’ospedale Sant’Anna Banfi ha annunciato un progetto da portare a termine entro il prossimo biennio. Si tratta dell’attivazione del DEA – Dipartimento Emergenza e Accettazione di secondo livello: “Il Sant’Anna – ha spiegato il direttore generale – non è più soltanto un ospedale generalista. A fronte dell’elevato numero di accessi in Pronto Soccorso e della presenza di specialità quali la Neurochirurgia, la Radiologia interventistica, l’Emodinamica, la Neurologia con la Stroke Unit per l’ictus, la Chirurgia Vascolare e la Chirurgia Vascolare si configura come una struttura che può essere ulteriormente potenziata nella sua rete d’offerta, anche alla luce di quanto previsto dal Decreto ministeriale 70 del 2015. Ci confronteremo presto su questo tema con Regione Lombardia. Stiamo inoltre già collaborando con la Cardiochirurgia dell’ospedale di Varese”.

Banfi ha anche sottolineato l’importanza della collaborazione con l’Università dell’Insubria, di cui l’Asst è polo ospedaliero, con la quale saranno sviluppate attività di integrazione e ricerca sulle quali sta già lavorando la cabina di regia ateneo-azienda.

L’assegnazione del presidio di Menaggio e dei servizi del Medio Lario

Dal primo gennaio hanno fatto il loro ingresso in Asst Lariana l’ospedale “Erba-Renaldi” di Menaggio, fino a tre anni fa parte dell’ex Ao Sant’Anna, e i servizi socio sanitari e psichiatrici del Medio Lario. Questa assegnazione, che amplia l’assetto aziendale, ha posto da subito un obiettivo prioritario: “L’ospedale di Menaggio – ha annunciato Banfi – dovrà mantenere la sua vocazione di presidio per acuti e non sarà derubricato o depotenziato. Sarà necessario rivedere la sua organizzazione alla luce di quanto previsto dal Decreto Ministeriale 70 del 2015, in quanto la struttura è collocata in un’area geomorfologicamente disagiata”.

La prossima settimana è previsto un sopralluogo nel presidio e un incontro con il sindaco e i dipendenti del presidio. “Dobbiamo capire nel dettaglio l’attuale organizzazione e il profilo d’offerta, ha aggiunto -. Nei prossimi tre mesi predisporremo un piano, da condividere con i sindaci del territorio, l’Ats, gli ordini professionali e i sindacati e avviare un consolidamento dell’attività internistica e riabilitativa oltre che una rimodulazione dell’attività chirurgica nella direzione di un day/week hospital. Sarà inoltre necessario potenziare e formalizzare la collaborazione già consolidata con gli ospedali Moriggia-Pelascini di Gravedona e con il Cof di Lanzo nell’ottica di una collaborazione pubblico-privato accreditato, una sinergia importante soprattutto sul fronte dell’emergenza-urgenza”.

I presidi di Cantù e Mariano

Per il Sant’Antonio Abate di Cantù il dg ha fatto il punto sui lavori del nuovo Blocco Operatorio, arrivati, per l’area al primo piano che ospiterà le sale, al 95% della realizzazione. Nell’attesa della conclusione dei lavori, l’Asst varerà la gara per le prime acquisizioni tecnologiche e per le attrezzature. “Contiamo di poter attivare il nuovo Blocco Operatorio entro l’autunno di quest’anno”. Per il presidio polispecialistico “Felice Villa” di Mariano Comense, il direttore generale ha confermato che l’intervento di consolidamento dell’Edificio B prosegue secondo i tempi previsti e ha ipotizzato per le attività a bassa intensità una progettualità che coinvolgerà maggiormente il settore infermieristico, dal case manager per i pazienti cronici all’infermiere di comunità, per una valorizzazione del ruolo di questa importante professione.

Il dg ha terminato l’incontro ponendo l’accento sul clima organizzativo aziendale: “Il clima non dovrà essere conflittuale o concorrenziale. Siamo già al lavoro per risolvere alcune situazioni emerse negli scorsi mesi”, ha concluso Banfi.

 

Il Curriculum Vitae del dg Banfi

Il dottor Banfi è nato a Milano nel 1956 ed ha ricoperto il ruolo di Direttore Sanitario Aziendale dell’Azienda Socio Sanitaria Lariana nell’ultimo triennio.

Dal 1998 al gennaio 2011 ha svolto funzioni di Direttore Sanitario Aziendale in Aziende Sanitarie pubbliche ospedaliere e territoriali di Regione Lombardia.

Dal 2011 al 2015 ha ricoperto, presso l’Azienda Ospedaliera “Sant’Anna” di Como, l’incarico di Direttore di Struttura Complessa e di Direttore del Dipartimento Gestionale Organizzazione Sanitaria, Servizi e Piattaforme Produttive.

Formazione

Dopo la laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Pavia si è specializzato, nello stesso ateneo, in Igiene e Medicina Preventiva (indirizzo: Epidemiologia e Sanità Pubblica) e presso l’Università degli Studi dell’Insubria in Psicologia Clinica.

Alta Formazione post-laurea

Ha conseguito il Diploma del Corso Superiore di Economia Sanitaria all’Università “Tor Vergata” di Roma.

Ha frequentato Corsi di Perfezionamento in Management, Organizzazione e Gestione dei Servizi Sanitari alla Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi di Milano e la Scuola di Direzione in Sanità I.Re.F. – Regione Lombardia, di Farmacoepidemiologia e Farmacoeconomia presso l’Università degli Studi dell’Insubria.

Docenza – Produzione Scientifica

Dal 1999 al 2011 è stato Professore a Contratto prima all’Università degli Studi di Pavia e, successivamente, all’Università degli Studi dell’Insubria (ambiti di ricerca: Analisi comparata dei sistemi sanitari – Management delle organizzazioni sanitarie).

Ha pubblicato numerosi lavori scientifici ed è autore e curatore dei volumi “Management ed Etica delle risorse in sanità” (con M. Picozzi) e “Salute e Benessere. Dalla cultura un orientamento per la clinica” (con G. Pozzi) editi da Franco Angeli, Milano.

E’ stato membro del Comitato Tecnico Scientifico del Consorzio di Bioingegneria e Informatica Medica di Pavia (CBIM) e del Centro di Ricerca in Economia Sanità Innovazione e Territorio (CRESIT) dell’Università degli Studi dell’Insubria.

Incarichi Istituzionali

− Presidente della ex U.S.S.L. n.3 di Varese (dal 18.06.1982 al 04.10.1984).

Dal 1980 al 1991 ha ricoperto incarichi istituzionali presso il sopracitato Ente: dal 15.12.1980 al 17.06.1982 in qualità di Componente del Comitato di Gestione e come Componente dell’Assemblea sino al 05.06.1991.

− Membro effettivo del Comitato Provinciale INPS (dal 17.10.1987 al 22.11.1989).

− Componente del Collegio dei Revisori dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Varese

(2000 – 2002).