Il giallo

L’autopsia sul corpo di Mattia: nessun segno di violenza, forse un malore

Ancora nessuna certezza, ma sembra esclusa la pista del delitto. Si continua con gli accertamenti della Procura

Nessuna certezza, ma una prima indicazione sulla quale avolgere ulteriori accertamenti. L’autopsia sul corpo di Mattia Mingarelli, il 30enne di Albavilla trovato morto in un bosco della frazione San Giuseppe a Valmalenco alla vigilia di Natale (dopo la sua scomparsa dallo scorso 7 dicembre), avrebbe escluso segni di violenza compatibili con l’ipotesi di un omicidio. Non ancora un certezza, ma altamente probabile insomma.

 

L’esame autoptico, disposto dalla Procura di Sondrio, si è svolto questo pomeriggio nella camera mortuaria dell’ospedale di Sondrio. Il corpo di Mattia è stato notato da alcuni sciatori della ski-area di Chiesa in Valmalenco-Palù. L’inchiesta va avanti, ma certo l’esito dell’autopsia sembra rendere più probabile l’ipotesi che il decesso possa essere imputabile a una disgrazia durante l’escursione del giovane oppure ad un suo improvviso malore mentre era nel bosco.

Più informazioni
leggi anche
mattia mingarelli ragazzo di albavilla scomparso in valmalenco
Il giallo
Mattia, cosa è successo ? Famiglia ed amici aspettano ora le prime risposte
mattia mingarelli nuova foto ragazzo scomparso valmalenco
La tragedia
Il Natale più tragico: il corpo di Mattia trovato a pochi metri dalla baita
mattia mingarelli ragazzo di albavilla scomparso in valmalenco
Valmalenco
La scomparsa di Mattia, sospese le ricerche del ragazzo di Albavilla: Natale triste
mattia mingarelli nuova foto ragazzo scomparso valmalenco
La serata
Gli amici di Mattia lo ricordano nel giorno del suo compleanno: raccolta fondi
commenta