Un week-end in carcere per le minacce ai vigilante del Carrefour: tre nei guai foto

Sono tre giovani comaschi, bloccati dalla Polizia dopo una bravata con un peluche di pochi euro. La ricostruzione.

Fine settimana in carcere per una autentica follia. Domattina (lunedì 3) interrogatorio di convalida davanti al giudice per i tre 20enni comaschi – tutti abitano in provincia – arrestati dalla polizia per rapina aggravata. Il tutto per aver cercato di evitare una denuncia per il furto di un peluche da neppure 10 euro. Il lora arresto risale a venerdì sera al supermercato Carrefour di viale Giulio Cesare a Como. I tre vengono notati dalla vigilanza del supermercato aggirarsi con fare sospetto tra gli scaffali del negozio. Accorgendosi di essere tenuti d’occhio, si fingono interessati a un oggetto esposto e chiedono al commesso informazioni. Poi rubano un peluche, almeno uno di loro, prima di essere fermati dlala vigilanza

Bloccato, ammette tutto e restituite l’oggetto del contendere. Ma forse perchè spazientito dall’attesa di una pattuglia della polizia, il ragazzo estrae un coltello e minaccia due dipendenti. A quel punto intervengono – sempre stato all’accusa – anche i due amici che avrebbero aggredito gli addetti alla sicurezza. Ma poi è arrivata la polizia e li ha fermati. Per il Pm di turno in Procura il loro comportamento merita un week-end (a meditare) in carcere al Bassone. Domattina decide il giudice se rimetterli in libertà oppure no. Da una follia ad un guaio serissimo.