Questo Mostro Amore a Como per 600 ragazzi e 50 insegnati foto

In coda alla Settimana dell’infanzia e dell’Adolescenza e all’indomani della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle Donne, arriva,  lunedì 26 novembre al Teatro Sociale di Como,  l’ importante appuntamento con una tappa del  progetto Questo Mostro Amore di AttivaMente, cooperativa sociale ONLUS con sede a Como, e già realizzato quattro volte in città, poi a Lecco, Trento, Napoli e Milano e tutt’ora in tour fino a febbraio 2019.

Questo Mostro Amore vuole stimolare una riflessione sul tema della violenza nelle relazioni, incontrando principalmente gli adolescenti. Come infatti sottolinea la dottoressa Valerie Moretti dalla direzione scientifica del progetto: “Un rapporto amoroso violento può coinvolgere gli adolescenti fin dalle loro prime relazioni affettive e ha le sue radici nella fragilità emotiva dei più giovani, che talvolta non sono in grado di riconoscere e/o gestire, in maniera rispettosa, emozioni potenti come la rabbia, la delusione o la frustrazione”.

eventi questo nostro amore

Il format del progetto ha previsto incontri nelle scuole superiori, il supporto didattico di diversi materiali cartacei per insegnanti e studenti, tra cui il manuale QUESTO MOSTRO AMORE, ed Franco Angeli con prefazione di Pellai. In ultimo la rappresentazione dell’infodrama 600 ragazzi e 50 insegnanti delle scuole superiori del circondario, uno spettacolo teatrale dedicato all’Otello di Shakespeare, IO NON SONO QUEL CHE SONO, che andrà in scena lunedì 26 novembre alle ore 11.00 presso il Teatro Sociale di Como, che ha voluto condividere la mission di questo progetto di prevenzione come una delle sue azioni di responsabilità sociale, nei confronti della città e dei giovani.

Il progetto, ormai alla sua terza edizione ha coinvolto fino ad ora 10.000 studenti e 1.000 insegnanti, solo in questa tappa sono 600 i ragazzi e 50 i loro insegnanti delle scuole superiori del circondario che hanno partecipato ai laboratori e, domani, assisteranno all’ infodrama su Otello IO NON SONO QUEL CHE SONO di Jacopo Boschini, Massimo Gnocchi e Stefano Panzeri con Jacopo Boschini e Stefano Panzeri.

Un infodrama su Otello e la complessità umana, una riflessione a due voci in cui ragionamento e teatro si intrecciano indissolubilmente – spiega Boschini, drammaturgo e regista – .Uno spettacolo per riflettere sul tema della violenza attraverso le parole del più grande drammaturgo di tutti i tempi. Un lavoro teatrale dedicato all’Otello di Shakespeare e alla complessità di ogni essere umano. Come mai Otello piange e si dispera nel dichiarare tutto il suo amore per Desdemona proprio un attimo prima di soffocarla? Perché Desdemona non riconosce la minaccia che incombe su di lei e non fugge da Otello?”

“Comprendere le ragioni dei personaggi che agiscono in Otello – continua Boschini – significa provare a comprendere il meccanismo di violenza e collusione che a volte si verificano all’interno di una coppia. Significa guardarsi allo specchio, sapendo che ognuno di noi, per quanto sia convinto del contrario, non è immune dal rischio di rimanere intrappolato in certe dinamiche. Per questo è necessario riportare al centro il valore che hanno le nostre emozioni, le nostre pulsioni, i nostri bisogni più intimi, nelle azioni e nelle scelte della vita di tutti i giorni. Significa provare a raggiungere l’inafferrabile, ovvero la complessità del mondo interiore di ognuno di noi.”

Questo Mostro Amore | Io non sono quel che sono
di e con Jacopo Boschini e Stefano Panzeri
introduzione di Valerie Moretti
26.11.18 ore 11.00
Teatro Sociale di Como