Quantcast

Conoscere la cecità. Cesare Picco in concerto al Sociale con “Blind date” foto

Blind Date – Concerto al buio, il  format ideato dal pianista e compositore Cesare Picco dopo Milano e Verona sarà a Como il 27 novembre, al Teatro Sociale, per poi proseguire la sua tournèe favore dei non vedenti nel Sud del mondo portando ovunque la sua musica oltre i confini della melodia.

Promosso da CBM Italia Onlus il Blind Date è un’esperienza che immerge il pubblico in una realtà parallela, quella di chi non ha il dono della vista. Una morbida penombra accoglie in sala gli spettatori e, una volta iniziato il concerto, le luci calano lentamente, fino a raggiungere il buio totale per poi ritornare gradualmente alla luce come segno di ritorno alla vita. Un modo di ascolto diverso che porta a stravolgere l’uso comune dei sensi, perdendo gli abituali punti di riferimento e ci si scopre pronti a recepire altre sensazioni, a sperimentare nuove condizioni di ascolto. La capacità comunicativa della musica per pianoforte di Picco, uniti al viaggio sensoriale nel buio assoluto, fanno di questo concerto un evento unico al mondo.

blind date cesare picco

Compositore e pianista, improvvisatore, sperimentatore ed esploratore di suoni di tutto il mondo, Cesare Picco  ha dato vita al primo Blind Date Concert nel 2009 con l’intento di far scoprire l’ascolto puro e originale della musica “Ci si trova magicamente ad ascoltare la musica con gli occhi- afferma Picco – un’esperienza che esprime a pieno la missione di CBM: riportare la luce nella vita delle persone cieche che vivono nei Paesi del Sud del mondo”.

TEATRO SOCIALE DI COMO

martedì, 27 novembre 2018 – ore 20.30

 

CESARE PICCO

in BLIND DATE – Concerto al buio

 iniziativa di CBM Italia Onlus

CBM è la più importante realtà impegnata nella prevenzione e cura della cecità ed è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come organizzazione professionale nella prevenzione e cura di queste patologie, senza distinzione di razza, sesso e religione, e opera da 110 anni per aiutare le persone soprattutto nei paesi del sud del mondo dove essere ciechi significa rischiare di morire ogni giorno.