Quantcast

Como, passa nella notte la delibera per il Giro d’Italia: si del consiglio comunale foto

Maggioranza e parte dell'opposizione a favore. Variazione di bilancio spiegata dal'assessore Caldara, video in aula con Marco Galli a spiegare i benefici di questa scelta

Una intera serata dedicata a spiegare ed illustrare – anche con video e foto – l’importanza di avere a Como questa manifestazione. Prima i dati dell’assessore al bilancio Adriano Caldara, poi la passione e l’impegno dell’assessore allo sport Marco Galli che ha messo in evidenza ricavi e benefici derivanti. Lo ha sottolineato anche la collega Simona Rossotti nell’intervento successivo. E poi la seduta sospesa per i chiarimenti. Infine la ripresa ad oltranza. Solo a notte fonda – era da poco passata la 1,30 quando la presidente Veronelli ha dichiarato chiusa la seduta – il via libera del consiglio comunale di Como alla delibera sulla variazione di bilancio per avere sul Lario una tappa del Giro d’Italia 2019. Impegno economico non da poco per le casse del Comune: 260.000 euro di variazione di bilancio, spiegata dall’assessore Caldara in avvio di seduta come detto.

Ma il via libera è stato decisamente trasversale. Non solo la maggioranza a favore, ma anche parte dell’opposizione (Pd e Lista civica con Traglio). Solo la ListaRapinese contraria. L’esito della votazione: 22 a favore e 3 contrari. Assenti i consiglieri Aleotti (5Stelle) e Magatti (Civitas). Dunque, superato l’ultimo scoglio burocratico per il Giro d’Italia in arrivo a Como. La data c’è già: domenica 26 maggio.

Ora corsa contro il tempo per presentare a Rcs sport i documenti necessari per la corsa rosa e tutti i suoi benefici di ricaduta sul territorio. A fine mese la presentazione del Giro con il nome di Como tra le sedi di tappa di questa edizione. Ultima volta della corsa rosa in città nel 1987 con l’arrivo della tappa Madesimo – Como.

Per favorire l’ottimale realizzazione dell’iniziativa sarà istituito un tavolo di lavoro intersettoriale tra le unità interessate, nello specifico Sport (assessore Galli), Turismo, Marketing Territoriale, Grandi Eventi, Comunicazione (assessore Rossotti), Sicurezza e Polizia Locale (assessore Negretti), Strade (assessore Bella), Commercio (assessore Butti) e verrà costituito un Comitato Organizzatore.