Allarme truffe, c’è chi ci casca ancora: pensava all’affare, erano Rolex-finti….. foto

Il raggirato è uno svizzero, avvicinato a Bizzarone. I carabinieri vanno avanti con la loro attività di prevenzione

Ad Uggiate al gruppo Terza età ed a Zelbio in Comune. L’offensiva dei carabinieri del comando provinciale contro le odiose truffe agli anziani ha vissuto in queste ore altri due momenti di confronto e spiegazione. A contatto con la popolazione per cercare di evitare quanto possibili questi brutti raggiri: obiettivo salvaguardare le fasce deboli, mettendole in guardia dalle principali truffe che vengono portate a termine.

Dal falso nipote, al finto funzionario, da chi cerca di piazzare orologi-patacche a chi spiega (alle vittime) che ci sono problemi da risolvere sull’acqua di casa. Tanti raggiri, tanti modi per carpire la buona fede delle persone. Ed i carabinieri, da mesi, si stanno prodigando a spiegare e cercare di dare rassicurazioni agli anziani. Anche in queste ore tanto ad Uggiate (dove ha parlato il comandante della stazione di Faloppio Giordano) che a Zelbio (con il comandante della stazione di Pognana Truzzi). Ma le vittime continuano ad esserci, come lo svizzero che a Bizzarone ha acquistato per 1.500 euro tre Rolex che pensava essere veri. Sperava di fare un affare, erano tre tarocchi…….