Quantcast

Anche i campioni in campo con noi: uniti per un cartellino rosso alla Sla! foto

Vierchowod e Zambrotta alla presentazione dell'iniziativa che vede anche CiaoComo in prima fila. Il programma della serata.

Ci siamo anche noi per dire no alla Sla, la “Stronza” come l’aveva chiamata – a ragione – l’ex bomber del Como Stefano Borgonovo. Venerdì sera torna a Como la serata “Cartellino rosso alla Sla” con sport, cibo e musica dal vivo in piazza Volta dalle 18 a mezzanotte. Stamane, in comune a Como, la presentazione ufficiale con il vice.-sindaco Alessandra Locatelli e gli organizzatori.

serata un cartellino rosso alla sla, presentazione in comune oggi

 

L’iniziativa è organizzata dalla Fondazione Paola Giancola in compartecipazione con il Comune di Como per raccogliere fondi a sostegno dei malati di sclerosi laterale amiotrofica e delle loro famiglie, con la collaborazione della Provincia, dell’azienda ospedaliera Sant’Anna, dell’Asst Lariana, dell’associazione provinciale diabetici, dell’Ordine di Malta. Alla promozione della serata contribuiscono anche Gianluca Zambrotta e Pietro Vierchowod che hanno partecipato alla presentazione stamattina in Comune.

L’evento comincia alle 18 con un torneo di calcetto 3 contro 3 per ragazzi fino a 12 anni. Dalle 19 comincia la musica con il nostro Massi Zeus Masserotti ed Alessia Roversi, a seguire alle 19,30 appuntamento con l’apericena in piazza dove si potrà scegliere tra salamelle, hamburger e patatine. Alle 21 ospiti, pazienti, familiari, medici e operatori sanitari prenderanno la parola per raccontale le proprie esperienze, fino alle 21,30 con musica per tutti i gusti anche da ballare: anni ’80, Arthur Miles, la piccola Rebecca, Frankie, hit del momento. Ovviamente con l’animazione di Massi, Alessia e tutto lo staff artistico di CiaoComo

 

L’obiettivo principale della fondazione che organizza l’evento è contrastare la Sla, anche finanziando la ricerca con particolare riguardo ai tumori polmonari e alle patologie correlate all’amianto come il mesotelioma pleurico, e stare al fianco dei malati nella lotta contro la malattia anche per supportare le loro famiglie.

L’anno scorso sono stati raccolti 24 mila euro, quest’anno si potrà contribuire anche acquistando magliette, tazze, cappellini.