La disponibilità

La Caritas di Como disposta ad accogliere migranti sbarcati dalla nave “Diciotti”

Lo fa sapere una nota della Diocesi lariana: c'è la disponibilità ad accogliere alcuni di loro in strutture del territorio

Disponibilità ad accogliere alcuni dei migranti protagonisti di una lunga vicenda in questi giorni sulla Nave “Diciotti” arrivata a Catania: la Caritas di Como fa sapere di avere posti liberi – in alcune suoi strutture – per dare ospitalità ad alcuni di loro. Si tratta di ragazzi giovani di Eritrea e Somalia. Qui la nota ufficiale arrivata in queste ore in redazione.

 

 

La Caritas diocesana, come in occasione di qualsiasi tipo di emergenza richieda aiuto e sostegno alle persone in difficoltà, e in fraterna sintonia con altre realtà diocesane italiane, ha espresso la disponibilità della Chiesa di Como ad accogliere alcuni dei migranti sbarcati, lo scorso 25 agosto, dalla Nave “Diciotti” a Catania e attualmente ospiti della struttura “Auxilium” della Conferenza episcopale italiana, ad Ariccia (Roma), dove si stanno espletando anche i necessari passaggi burocratici.

Attualmente, poiché i minori non accompagnati, le donne e i nuclei familiari sono stati subito alloggiati e assistiti presso strutture della Sicilia, le persone in attesa di accoglienza sono prevalentemente giovani uomini di nazionalità somala ed eritrea. Questa mattina Caritas italiana ha dato conferma di aver recepito la disponibilità di Caritas Como a ospitare persone presso strutture della propria rete di accoglienza.

Al momento, grazie alla generosa sensibilità di tante diocesi in tutta Italia, non è possibile sapere se e quando i richiedenti asilo arriveranno anche a Como: i posti messi a disposizione a livello nazionale, infatti, sono numericamente superiori alle attuali necessità. Indicazioni più precise arriveranno da Caritas Italiana e Caritas Como nei prossimi giorni. Lo rende noto una nota diffusa in queste ore dalla Diocesi di Como.

leggi anche
Migranti in coda per entrare a mangiare a San Rocco
Il vertice
Prima il trasferimento dei migranti, ora la conferma: chiude il centro di via Regina
commenta