Quantcast

Cantù, rapina nigeriana in centro: libanese bloccato da un vigile fuori servizio foto

E' successo nella zona di piazza Garibaldi. La vittima colpita con calci e pugni. Poche ore prima avrebbe subito un tentativo di violenza sessuale.

Movimentato episodio stamane in Via Ariberto presso Piazza Garibaldi a Cantù dove la polizia locale ha arrestato un cittadino liberiano irregolare sul territorio nazionale: è accusato di rapina.

LA RICOSTRUZIONE DEI FATTI

Verso le 9 il ragazzo liberiano ha tentato di scippare una residente in Cantù, di nazionalità nigeriana e regolare sul territorio. Quando questa ha opposto resistenza l’uomo l’ha buttata al suolo e colpita con alcuni calci e pugni, riuscendo a sottrarle pochi euro in moneta. Non contento del bottino ha pedinato la donna, la quale accortasi del pedinamento e fortemente impaurita ed agitata, si è rifugiata in una attività commerciale chiedendo aiuto agli esercenti.

A quel punto ha fatto irruzione nell’esercizio commerciale e di nuovo ha tentato di derubare la donna alla presenza dei due esercenti, questi con prontezza di spirito hanno aiutato la donna e cacciato il liberiano dal negozio, inseguendolo per strada e scatenando un violento diverbio.

Un agente del corpo di Polizia Locale di Cantù, di passaggio in borghese e fuori servizio, avvedutosi del diverbio è subito intervenuto separando i litiganti ed assicurandosi che il liberiano non fuggisse. Lo stesso ha immediatamente attivato il Comando: due pattuglie repentinamente accorse in luogo hanno accertato l’esatta dinamica degli eventi traendo in arresto il liberiano con l’accusa di rapina. L’arrestato sarà processato per direttissima domani stesso.

Durante le indagini si è scoperto che lo stesso uomo liberiano, attorno all’una di notte, avrebbe tentato di violentare la stessa vittima della rapina; i due si conoscevano di vista da tempo. Per questo ulteriore grave reato si sta procedendo con un fascicolo separato da quanto fa sapere la polizia locale.