Braccato nel bosco: marocchino arrestato con la droga ed i soldi dello spaccio foto

I carabinieri non gli danno vie di fuga e lo fermano. Addosso anche materiale per il confezionamento delle dosi. E' al Bassone.

Blitz antidroga del Comando Compagnia Carabinieri di Cantù nell’area boschiva di Bregnano. In tale ambito, i militari della Stazione Carabinieri di Cermenate, con il supporto del Nucleo Operativo e Radiomobile delle Stazioni Carabinieri di Mozzate, Lomazzo e Fino Mornasco, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, R.R., cittadino marocchino classe 1994, irregolare sul territorio dello Stato, accusato di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione giunge a corollario di una meticolosa attività di monitoraggio delle aree boschive, esplicata attraverso numerosi sopralluoghi e servizi di appostamento. Il notevole quantitativo di risorse impiegate per la repressione del fenomeno, insistente nel parco che abbraccia i comuni di Bregnano e Cadorago, in località denominata “Madonnina” ha fatto sì che il soggetto, dedito alla vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti, venisse accerchiato e si ritrovasse senza vie di fuga.

Un prolungato servizio di osservazione ha fatto sì che l’immigrato. (pur tentando un accenno di fuga prontamente disinnescato sul nascere) non avesse vie di scampo. Immobilizzato, è stato trovato in possesso di 55 grammi di eroina, 3 grammi di cocaina, 16 grammi di marjuana, denaro contante di oltre 2000 euro e materiale vario per il confezionamento, il tutto posto in sequestro penale.

L’arrestato, all’esito delle formalità, è stata associato presso la casa circondariale di Como in attesa di giudizio di convalida.