Quantcast

La tragedia nel lago: sempre grave l’amico del sub morto, dolore a Veleso foto

Apprensione per Claudio Marelli che era con Ettore Salvadè al momento della tragedia. Accertamenti sull'attrezzatura ed autopsia

Più informazioni su

Sempre in osservazione a Milano – dopo il trattamento in camera iperbarica – il 47enne di Orsenigo Claudio Marelli, protagonista della drammatica immersione di ieri nel lago davanti a Nesso. Marelli è riuscito a risalire in superficie dopo il malore che ha colpito l’amico Ettore Salvadè di Veleso, suo coetaneo e compagno di avventure nel lago. Per l’imprenditore di Veleso non c’è stato nulla da fare, Marelli si è salvato anche se è stato portato a Milano in osservazione e sottoposto a trattamento in camera iperbarica. Dovrebbe riuscire a farcela anche se i medici non si sono ancora sbilanciati.

Ora sarà l’autopsia – disposta dalla Procura di Como – a capire le cause del decesso di Salvadè. L’indagine, coordinata dai carabinieri che hanno sequestrato l’apparecchiatura dei due sub, dovrà cercare di capire anche se ci sono stati problemi o anomalie nel funzionamento dell’erogatore di Salvadè. I due erano impegnati in una immersione in zona: erano arrivati ad oltre 50 metri da quanto si è potuto ricostruire quando il 47enne di Veleso ha avuto forse un malore.

 

Ed a Veleso ora è lutto cittadino. Dolore e choc per la scomparsa di Salvadè, figura molto conosciuta in paese. Funerale ancora da fissare, prima l’autopsia e poi il nulla osta della magistratura al funerale.

Più informazioni su