Camerlata, il blitz nell’ex ospedale Sant’Anna:”Qui spaccio e degrado: basta” foto

A dirlo i componenti del gruppo "ComoaiComaschi". Le foto ed il loro racconto. Ora presidio notturno

Riprendiamoci Como, togliamo il degrado dalle zone di periferia. E via Santa Brigida a Camerlata è una di quelle. A dirlo è il movimento “ComoaiComaschi”. Che ci ha spedito in redazione un comunicato duro, ma anche molto dettagliato, sulla visita fatta proprio in queste ore nella zona dell’ex geriatria dell’ospedale Sant’Anna. Lo riportiamo integralmente. In allegato anche alcune delle foto scattate in zona.

 

comoaicomaschi blitz via santa brigida camerlata, foto della zona

 

In questi ultimi giorni abbiamo ricevuto diverse segnalazioni di cittadini Comaschi ed oggi pomeriggio componenti del direttivo di ComoaiComaschi si sono recati in via Santa Brigida a Camerlata per verificare la reale situazione. 

Abbiamo percorso la salita incontrando diversi immigrati, chi a piedi, chi munito di bicicletta, ed arrivando alla sbarra abbiamo notato il portone di ferro del reparto geriatria del vecchio Sant’Anna appoggiato e senza catena. Abbiamo aperto il portone per dare un’occhiata all’interno e siamo stati subito accolti da un africano, munito di cuffietta e cellulare, che un pò sorpreso ci ha rassicurato di essere solo e di passaggio…dall’interno proveniva una forte puzza…e poi, quasi fosse il padrone di casa, ci ha “impedito” di andare oltre riaccostando il portone. Dopo qualche minuto è comparso, lungo la salita, un altro africano con bicicletta che apriva e si accomodava all’interno!!! 

Le segnalazioni che ci sono pervenute parlano di diverse decine di immigrati che dormono lì all’interno e che, soprattutto, alla notte ci sono strani “movimenti” con relativo spaccio di droga, gente ubriaca che si incammina, etc…

Certo, che lì non li vede nessuno, come quando si nasconde la polvere sotto il divano, ma prima o poi quella polvere crea problemi! In queste giornate di caldo una passeggiata notturna al Baradello sarebbe un ottimo rimedio per avere refrigerio, ma pensiamo che ci sia da stare molto attenti a percorrere la via, soprattutto per ragazze o turisti. 

Ci dicono inoltre che molti nostri giovani frequentano la zona al mattino (magari prima di andare a scuola, ormai finite) ed alla sera…fermandosi con questi immigrati e quindi sicuramente per acquisto di droga…non ci vuole uno scienziato per capirlo!

Ci aspettiamo che le Istituzioni prendano al più presto provvedimenti, verificando prima chi e quanti sono nell’area citata e provvedendo poi alla chiusura di tutte le entrate, affinchè nessuno abusivamente bivacchi lì dentro e la via torni sicura e soprattutto dei cittadini comaschi e turisti.

Noi di ComoaiComaschi siamo pronti ad un presidio notturno per richiamare l’attenzione su quest’altra zona di Como persa (piazza San Rocco, via Milano, via Anzani, giardini al lago, etc) entro la fine di luglio.

RIPRENDIAMOCI COMO, BASTA DEGRADO

ComoaiComaschi