Quantcast
Non solo libri

“La notte della chitarra”, a Parolario anche la storia del rock con tanti musicisti

Anche Chigo Renzulli, fondatore dei Litfiba, tra gli ospiti della serata. Alessio Brunialti a condurre questo affascinante viaggio

Ieri sera a Parolario Parole e musica: Enzo Gentile e Luca Masperone “La notte della chitarra” presenti ospiti di grande spessore. L’evento ha avuto come presentatore Alessio Brunialti, il quale ha dialogato e intervistato diversi personaggi legati al mondo della musica rock, partendo da Paolo Bonfanti, musicista, Finaz, fondatore del gruppo toscano Bandabardó, Luca Masperone, musicista, Enzo Gentile, scrittore e critico musicale e infine, ma non di importanza, Chigo Renzulli, fondatore della band Litfiba.
Obiettivo della serata quello di raccontare la storia della musica rock, presentandola attraverso lo strumento della chitarra e la sua evoluzione nel corso degli anni; citati chitarristi di fama internazionale come Robert Johnson, Jeff Beck, Eric Clapton, Carlos Santana, Jimi Hendrix e a proposito di quest’ ultimo, uomo che scombussolò il mondo rock grazie al suo potente sonoro e alla sua bravura nel colorare i brani con accordi speciali, è stato presentato un libro in suo onore “Hendrix 1968” di Enzo Gentile e Roberto Crema.
Domanda interessante posta dal Brunialti ai musicisti è stata cosa li leghi così tanto alla chitarra e da dove sia nata la loro passione; domanda alla quale hanno risposto a turni dicendo:
“La mia passione è dovuta ad un concerto storico visto alla tv, rimasi ammaliato e capii che da grande avrei voluto fare il chitarrista”-Chigo Renzulli.
“Devo tutto ai Beatles, fecero nascere in me l’idea di voler costituire una band rock” – Finaz.
“Grazie ai miti italiani, come Roberto Vecchioni o Francesco De Gregori, anche se la vera folgorazione la ebbi con Bob Dylan” – Paolo Bonfanti.
“Iniziai a suonare dopo aver ascoltato un CD che riportava diversi pezzi rock storici, uno dei miei preferiti era Satisfaction dei Rolling Stones” – Luca Masperone.
Altro quesito sottoposto dal presentatore a Chigo Renzulli è stato quello di spiegare in che modo sia nata la sua band musicale, domanda alla quale, Renzulli, risponde spiegando che nel 1977/78 si stava diffondendo questo nuovo genere musicale chiamato punk, ossia il rifiuto e la rivolta nei confronti del passato. Era la musica della rivolta dei poveri, degli operai poco pagati, degli studenti disoccupati, i quali cercavano di esternare la loro rabbia attraverso la musica. Premesso questo contesto, Chigo Renzulli, si lanciò con il genere country, per poi passare al rock, al punk e infine alla new wave, dove diede vita alla sua primissima band, i Café Caracas, con la voce del noto artista italiano Raf. Si arriverà poi nei mitici anni 80’ dove formerà i Litfiba insieme a Piero Pelù. Chigo si definisce un cantautore, poiché a differenza di altri, egli si esprime attraverso la voce, per poi trasportare, in un secondo luogo, la sua musica sulla chitarra.

leggi anche
Generico
L'incontro
Hanne Ørstavik, dalla Norvegia al Lario: grande protagonista a Parolario 2018
Generico
Video-intervista
Umberto Galimberti a Parolario 2018: psicanalisi e filosofia, che pienone !
Cecco Bellosi e Paolo Foschini
A tu per tu
“Sotto l’ombra di un bel fiore”: a Parolario Cecco Bellosi ricorda la resistenza
parolario 2018
I protagonisti
“Sogni Notturni”: a Parolario l’incontro con Bruno Gambarotta e Giorgio Costa
commenta