Altro migrante fermato con la droga ai giardini e poi manda in ospedale un poliziotto foto

Sconcertante epilogo di un controllo di routine nella zona della locomotiva. Arrivato in Questura si scaglia contro gli agenti.

Ancora un migrante fermato dal personale della Questura di Como unitamente agli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Lombardia di  Milano: durante un controllo presso i giardini a lago sono stati attirati da due cittadini extracomunitari che si aggiravano nella zona della locomotiva con fare sospetto. Fermati e controllati: addosso ad uno un involucro con stupefacente

giardini a lago como presidio e controlli polizia

Giunti in Questura uno di loro – cittadino Gambiano del 98 titolare di un permesso di soggiorno in corso di validità – dapprima si mostrava collaborativo successivamente, al momento di essere sottoposto ai rilievi foto-dattiloscopici, dava in escandescenza; dimenandosi e spintonando gli operatori, tanto da ferire uno degli agenti, costringendolo ad andare all’Ospedale S. Anna, dal quale veniva dimesso successivamente con prognosi di 10 giorni e diagnosi di trauma contusivo.


Intanto, i poliziotti rimasti in Questura, procedevano ad un controllo accurato anche nello zaino del ragazzo dove trovavano due involucri di cellophane contenente Marijuana per un peso totale di 3,77 grammi nonché una somma di denaro per 70 euro. Il giovane africabo veniva arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e denunciato per detenzione di sostanza stupefacente. Oggi il giovane è comparso in Tribunale a Como per il processo con rito direttissimo: ha chiesto, tramite il legale d’ufficio, i termini a difesa. Udienza rimandata al prossimo lunedì 25 giugno. Nel frattempo resta in carcere.