Quantcast

Como, dipendente licenziata dal Comune per i ritardi: è la seconda in pochi mesi foto

Linea dura dell'Amministrazione: contestate una serie di violazioni sull'arrivo e la presenza. Non escluso un ricorso. Lavora all'Ufficio relazioni con il pubblico

E sono due. Due in pochi mesi. Il comune di Como usa la linea dura e quella dell’intransigenza per i dipendenti che “sgarrano” sulla responsabilità nel posto di lavoro. Seconda dipendente – anche lei è una donna come la precedente – licenziata per inadempienze su orari e inizio dei turni di lavoro. Lettera di recesso del contratto già recapitata da quanto si è appreso. La dipendente è accusata da Palazzo Cernezzi di ritardi e di non aver timbrato il cartellino in diverse occasioni. Da qui la decisione di procedere con la chiusura del rapporto di lavoro: la protagonista lavora all’Ufficio relazioni con il pubblico.

assessore negretti comune di como suo ufficio

L’assessore al personale del Comune di Como – Elena Negretti – conferma che l’amministrazione cittadina non può chiudere gli occhi a fronte di un comportamento poco rispettoso anche nei confronti degli utenti e pure dei colleghi:”Dispiace – ammette la Negretti – dal punto di vista umano“. Non escluso il ricorso da parte della dipendente contro il provvedimento. Cosa che era stata fatta, nei mesi precedenti, anche dall’altra licenziata dal Comune, in quel caso impiegata all’ufficio anagrafe.