Quantcast

Ubuntu uno spettacolo per tutti noi che siamo stati bambini

In Africa esiste un concetto noto come Ubuntu, il senso profondo dell’essere umani solo attraverso l’umanità degli altri (Nelson Mandela). Ubuntu è un’espressione in lingua bantu che indica “benevolenza verso il prossimo”. È intesa come una regola di vita basata sulle relazioni reciproche e sul rispetto nei confronti dell’altro. Si può arrivare a dire che Ubuntu è il legame universale di scambio che unisce l’intera umanità

Da questo concetto parte lo spettacolo teatrale con lo stesso titolo nato dal laboratorio promosso dall’Associazione Luminanda e rivolto ad un gruppo di giovani richiedenti asilo e cittadini di Como e provincia che domenica 10 giugno verrà rappresentato nel giardino del Chiostrino Artificio in piazzolo Terragni a Como.

“Ubuntu il bambino che piantava fiori” è un inno alla vita. Un inno alla passione, alla purezza e alla curiosità senza pregiudizi tipiche dell’infanzia. Ubuntu parla di donne e uomini che si sono messi in viaggio per seguire i propri desideri. Ma soprattutto parla dei bambini che sono stati. Ubuntu parla di chi pianta fiori e fa fiorire il deserto.

Lo spettacolo è reaalizzato in collaborazione con  Como senza frontiere e Como Accoglie.

Domenica 10 giugno
ore 18.30 e ore 20.00 (due repliche)
Chiostrino Artificio
Piazzolo Terragni 4, Como

Ingresso gratuito, i posti sono limitati
Prenotazione obbligatoria all’indirizzo:
segreteria.luminanda@gmail.com
oppure chiamando il 345 4502969
☞ In caso di pioggia lo spettacolo è rimandato a data da destinarsi