Quantcast
Il fatto

Blitz di Forza Nuova nella notte alla Cgil:”Intimidazione perchè temono la nostra forza”

Le reazioni allo striscione collocato all'ingresso della struttura. Solidarietà da Arci e Rifondazione in queste ore.

Lavorare per vivere, non per morire“. Uno striscione affisso davanti all’ingresso della Cgil di Como in via Italia Libera. E’ ancora scontro tra il sindacato cittadino e Forza Nuova in queste ore. Ad iniziare dal post della Cgil (qui sotto)

Questa notte sono tornati a farci visita i neofascisti di Forza Nuova. Si tratta dell’ennesimo episodio intimidatorio nel giro di pochi mesi, sempre contro le nostre sedi, sempre opera di soggetti neofascisti.

Purtroppo le nuove destre estremiste rialzano la testa in questo Paese e sempre più spesso scelgono come bersaglio la CGIL. Vogliono impaurirci, indebolirci e probabilmente mirano anche a screditarci. 
La verità è che ci temono, perché siamo un grande sindacato confederale che quotidianamente è impegnato a tutelare il Lavoro e i Lavoratori, oltre che a fare da argine alla destrutturazione dei diritti, siamo ostinatamente antifascisti e impegnati a difendere la struttura democratica del Paese. 

 

LE ALTRE REAZIONI DI QUESTE ORE

Forse non è un caso che mentre c’è il rischio che si formi un governo con al centro del suo “contratto” le proposte delle destre più oppressive dei diritti dei lavoratori,  Forza nuova abbia deciso di attaccare la Cgil. L’ostinazione con la quale le destre fasciste e naziste compiono provocazioni contro il principale sindacato italiano è parte di un attacco complessivo ai diritti, alle libertà, alla vita delle persone.  L’Arci, antifascista sempre, è pienamente solidale con le compagne e i compagni della Cgil e condivide la loro lotta di civiltà contro la barbarie delle destre eversive.

 

Fabrizio Baggi e Pierluigi Tavecchio (Rifondazione comunista)

«Questa notte, ancora una volta, i neofascisti di Forza Nuova si sono resi “protagonisti” di un’intimidazione di stampo fascista ai danni della CGIL Camera del Lavoro di Como – hanno dichiarato Pierluigi Tavecchio e Fabrizio Baggi rispettivamente delle Segreterie Provinciale e Regionale del Prc – da anni – continuano Baggi e Tavecchio – denunciamo l’incremento di fenomeni intimidatori quasi sempre, come in questo caso, addirittura rivendicati e compiuti con la naturalezza di chi ormai si sente impunito e legittimato.

Esprimiamo la nostra massima solidarietà personale e di tutto il Partito al Segretario Generale Giacomo Licata ed a tutte le compagne e tutti i compagni della CGIL che ogni giorno lottano per rappresentare la democrazia nei luoghi di lavoro, i diritti dei lavoratori e valori come l’uguaglianza, l’accoglienza l’antifascismo e l’antirazzismo, fatto che con evidenza non piace a chi ha una visione autoritaria ed antidemocratica come i fascisti che questa notte hanno affisso il delirante striscione”.

 

 

 

commenta