La Milano da gustare (e da leggere) a “Mangia come scrivi” Cantù

 

Prende il titolo dal famosissimo verso di “Lassa pur ch’el mond el disa” di Giovanni D’Anzi l’ultimo appuntamento della stagione, prima della pausa estiva, di Mangia come scrivi. La serata “Milan l’è on gran Milan”, in programma giovedì 10 maggio al Ristorante Il Garibaldi di Cantù, avrà come ospiti Claudio Sanfilippo (Sanfi), Erica Arosio e Giorgio Maimone, Flavio Villani.

CREATIVITÀ E GENEROSITÀ MENEGHINA
I quattro protagonisti della scena intellettuale milanese “giocheranno” a passarsi il testimone, tra una portata e l’altra, presentando, ognuno, il lavoro di un collega. Sanfilippo, cantautore vincitore del Tenco e autore del recente e bellissimo album “Ilzendelswing” (cantato in milanese), arriverà a Cantù con la sua immancabile chitarra e con il nuovissimo romanzo breve “Fin dove arriva l’acqua” (Bolis). Arosio e Maimone (lei critico cinematografico, lui giornalista storico del Sole 24 Ore) con la terza indagine di Greta e Marlon in “Cinemascope” (TEA). Il medico scrittore Villani (o scrittore medico) con il suo primo romanzo poliziesco “Il nome del padre” (Neri Pozza).

IL MENU
Gli chef del Garibaldi Alda Zambernardi e Marco Negri, tra le quatto portate d’autore annunciate, proporranno omaggi alla cucina milanese come il vitello tonnato (antipasto) e i mondeghili (secondo). Il tutto innaffiato dai vini della Cantina Perla del Garda di Lonato del Garda (Brescia), selezionati da Alfonso Galvano di Vineggiando. La cena, condotta come sempre dal direttore artistico  di “Mangia come scrivi” Gianluigi Negri, inizierà alle 20.30. Per informazioni sul ricco menu e prenotazioni: 031 704915.