Quantcast

Lunedì del Cinema: “The Teacher”, una lezione da non dimenticare foto

Con la professoressa Maria Drazděchová in cattedra la scuola è un inferno.  Il film “The Teacher” allo Spazio Gloria il 7 maggio per i Lunedì del Cinema s’ispira ad una vicenda accaduta veramente nella Cecoslovacchia del 1983, a Bratislava, in piena “normalizzazione” e sudditanza sovietica sotto la presidenza di Gustáv Husák, con la Primavera di Alexander Dubček oramai sepolta da tempo.

L’ultimo  film del pluripremiato Jan Hrebejk, candidato all’Oscar per il miglior film straniero nel 2000 con Divided We Fall,  è una storia originale, con splendidi interpreti e abbondanti dosi di humour mai banale.

lunedì del cinema The teacher

Il primo giorno di scuola, Maria Drazdèchovà (grandissima Zuzana Mauréry), la nuova insegnate di un liceo di Bratislava, è vestita con un abito a fiori e vezzose scarpette argentate. Risulta estremamente empatica verso i suoi allievi che, tuttavia, non comprendono perché lei voglia sapere tutto delle loro famiglie. Scopriremo subito che lei usa il suo potere per approfittare della sua posizione. Si va da un taglio di capelli gratuito alla spedizione fuori frontiera, non autorizzata dalla legge, di una torta alla sorella. Maria Drazdèchovà ha l’aria affabile e non è completamente priva di fascino. La signora facendo presa sulla sua presunta vedovanza, fa subire atti di ritorsioni agli allievi che non stanno al suo sporco gioco. La bomba esploderà dopo il tentato suicidio di una ragazzina, mortificata continuamente dall’insegnante che non riesce ad avere quello che vuole dalla sua famiglia.

“The Teacher”  è un apologo venato di umorismo grottesco che, a partire dal contesto storico del Socialismo reale, trascende ogni coordinata di regime politico e racconta quella sottile linea che, a qualsiasi latitudine e in qualunque tempo, separa il compromesso dalla corruzione, l’egoismo dalla solidarietà. Il risultato è una storia universale che arriva a tutti e che tocca temi morali ancora profondamente attuali, come il valore dell’insegnamento e il coraggio di opporsi alle ingiustizie.