La tesi di laurea di uno studente comasco diventa un libro sulle fake news

Venerdì 6 aprile alle ore 17.30, presso la Grand’Aula del Liceo Classico e Scientifico “Alessandro Volta”, a Como in via Cesare Cantù 57, avrà luogo, nel contesto di alcune iniziative dedicate all’educazione civica digitale, una tavola rotonda sul tema delle fake news. Un appuntamento aperto a tutta la cittadinanza per alimentare il confronto su un tema divenuto oggi centrale nel dibattito politico e sociale e per presentare Fake Revolution, il libro di Eros Robba sulle manipolazioni dell’informazione e sull’esperienza da finto candidato alla Casa Bianca di Alessandro Nardone, comunicatore e scrittore comasco.

Fake Revolution propone in veste editoriale la tesi con cui Eros Robba,  diplomato al Liceo Volta nel 2014, si è laureato a pieni voti nel corso di “Comunicazione e Società” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Appassionato di comunicazione fin dagli anni del Liceo (che allora proponeva un profilo in “Linguaggi della comunicazione) Robba ha continuato le sue ricerche proponendole in un libro, nato come lavoro accademico,  ma che ben si inserisce nell’attuale dibattito sulle fake news e sulle logiche del potere al tempo di internet e dei social media.

La campagna elettorale di Alex Anderson, finto candidato alla presidenza degli USA nel 2016 con cui Alessandro Nardone ha cercato di dimostrare quanto le fake possano essere accettate come verità, è stata infatti studiata come caso-simbolo di questa nuova stagione politica: un congressman frutto della fantasia di un autore italiano che ottiene seguito e consenso perché costruito in maniera verosimile, qualità fondamentale in una società come la nostra, in cui le notizie si susseguono così velocemente da non poter essere verificate con attenzione.

possible nardone

«Lavori di questa portata non solo rendono fieri i professori che hanno seguito l’istruzione di Eros – ha commentato il Dirigente Scolastico del Liceo, prof. Angelo Valtorta – ma costituiscono anche una risorsa per la comunità. La discussione su un tema come quello toccato da Fake Revolution, infatti, si inserisce a pieno titolo nel quadro dell’educazione alla cittadinanza digitale, rispetto alla quale le scuole italiane sono state coinvolte Ministero dell’Istruzione, anche attraverso la formazione specifica di alcuni docenti».

Insieme all’autore, al Preside Valtorta e a Alessandro Nardone, che ha firmato la prefazione del libro, interverranno alla tavola rotonda anche Luca Gino Castellin, docente di Comunicazione politica all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e relatore della tesi da cui è nato Fake Revolution, Marco Cremonesi, dal 1999 cronista politico e commentatore al “Corriere della Sera” e contributor di “A porta a porta” e Carlo Cattaneo, giornalista freelance ed esperto di comunicazione.