Quantcast

Parco del Lura, si butta nel torrente per sfuggire ai carabinieri: preso spacciatore foto

Il protagonista è un marocchino del 92: addosso diversi grammi di stupefacente, punto di riferimento dei tossicodipendenti della zona.

Ancora lo spaccio nei boschi del parco del Lura. E ieri sera i carabinieri dalla Compagnia di Cantù ed i colleghi di Cermenate, con il supporto delle Stazioni di Lomazzo e Fino Mornasco, hanno arrestato in flagranza di spaccio un cittadino marocchino classe 1992, irregolare sul territorio dello Stato, accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale. L’operazione giunge a corollario di una meticolosa attività di monitoraggio delle aree boschive della zona con numerosi sopralluoghi e servizi di appostamento.

Il notevole quantitativo di risorse impiegate ieri sera ha fatto sì che il nord africano, dedito alla vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti, venisse accerchiato e si ritrovasse senza vie di fuga. Il ragazzo ha, però, tentato in tutti i modi di divincolarsi e di aprirsi una via di fuga tra la boscaglia. Ha persino tentato di guadare un torrente, si è trovato dinanzi il “muro” predisposto dai Carabinieri che lo hanno bloccato ed arrestato

Sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso di 110 grammi di hashish, 13 grammi di marjuana ed un bilancino di precisione, il tutto sottoposto a sequestro. Oggi il rito direttissimo al Tribunale di Como per il giovane arrestato.