Quantcast
Como, licenziata dal Comune ed ora spunta anche la truffa: la sua difesa - CiaoComo
Le accuse

Como, licenziata dal Comune ed ora spunta anche la truffa: la sua difesa

La ormai ex dipendente di Palazzo Cernezzi rigetta le contestazioni davanti al Pm. Che però aggrava la sua posizione

“Nessun tentativo di ingannare nessuno. Solo buona fede e basta anche se ci sono stati errori nella timbratura del cartellino“. Spiega così al Pm della Procura di Como Simone Pizzotti la ex dipendente del comune di Como, licenziata qualche settimana fa per avere falsificato – questa la contestazione – in ben tre occasionii suoi orari di ingresso a Palazzo Cernezzi. La donna è stata interrogata, alla presenza del suo legale Giuseppe Gallo, dal magistrato che, nel frattempo, ha aperto un fascicolo per questa viceda. E per lei ipotizza la truffa aggravata e le false attestazioni. Lei, però, rigetta con fermezza ogni cosa anche se, di fatto, resta a casa. Il Comune ha ritenuto necessario il licenziamento al terzo episodio contestato sugli orari di ingresso in Comune. Il legale sta preparando il ricorso contro questo provvedimento davanti al giudice del lavoro. E’ stato lui a definire “spropositato” il provvedimento deciso da Palazzo Cernezzi.

 

leggi anche
esterno comune di como palazzo cernezzi
Il caso
Como, dipendente licenziata per assenteismo:”Decisione spropositata, ora il ricorso”
raccolta rifiuti a como progetto
Il provvedimento
Non sono in servizio durante il controllo, tre dipendenti di Aprica perdono il posto
esterno comune di como palazzo cernezzi
Il caso
Como, dipendente licenziata dal Comune per i ritardi: è la seconda in pochi mesi
commenta