Quantcast
Como, telecamere di via Milano con i giorni contati: spente già ai primi di marzo - CiaoComo
Conto alla rovescia

Como, telecamere di via Milano con i giorni contati: spente già ai primi di marzo

La conferma dall'assessore ai lavori pubblici Vincenzo Bella:"Si tratta di una sperimentazione della durata di un mese. Se non ora spostiamo tutto a maggio".

Hanno davvero i giorni contati. Le telecamere che registrano gli accessi in via Milano a Como – al termine della Napoleona – saranno spente per una fase di sperimentazione già tra una ventina di giorni. Primi di marzo l’ipotesi numero uno sulla quale l’assessore ai lavori pubblici, Vincenzo Bella, sta lavorando in questi giorni. “Prima aspetto che gli uffici tecnici abbiamo completato tutti gli accertamenti previsti, ma credo ormai ci siamo – precisa a CiaoComo -. E così se non ci saranno ostacoli possiamo partire a spegnerle già a marzo. Vogliamo vedere cosa succede per un mesetto circa in periodo scolastico, poi si deciderà cosa fare”. Se non a marzo, la sperimentazione sarà fatta a maggio:”No ad aprile perchè c’è di mezzo Pasqua e sarebbe un problema fare la prova”.

COSA SUCCEDE OGGI E DOPO……

Attualmente le telecamere di via Milano sono in funzione ogni mattina dalle 7 alle 9 e registrano gli accessi nella zona: le auto non possono transitare in quella fascia (ci sono cartelli ben evidente) pena la multa. Dalle 7 alle 9 la giunta di Lucini (precedente amministrazione) ha deciso di far transitare solo i pullman per favorire i loro spostamenti in una fascia orari critica.

Vincenzo Bella (foto sotto) ed i colleghi della giunta – con l’approvazione del sindaco Landriscina – ha deciso di fare una prova per un mese circa: telecamere spente e libero accesso a tutti per capire se il traffico di quella zona può avere un miglioramento oppure no.

vincenzo bella assessore viabilità comune di como
leggi anche
via milano como telecamera per rilevare ingresso, cartello con limitazione
Prova e proteste
Via Milano, il Comune prova a spegnere la telecamera che multa: duro attacco dei Verdi
commenta