Mariano il giorno dopo il rogo: discarica in fumo, spunta l’ombra del gesto doloso foto

Ore di lavoro dei pompieri, vasta colonna di fumo. L'Arpa rassicura i residenti: nessun pericolo per l'aria

Il gesto doloso. Una ipotesi tutt’altro che campata in aria anche se resta da capire perchè e chi in particolare può avere colpito in questo modo. Il giorno dopo il furioso incendio che ha danneggiato la discarica di via del Radizzone a Mariano Comense – in fumo un fronte molto esteso della struttura – le domande sono sempre le stesse. Chi può essere stato ? L’ipotesi dell’autocombustione, come sottilineano gli amministratori della cittadina brianzola, resta in piedi a fatica in particolare a queste temperature della notte. Sempre più probabile che sia stato qualcuno ad appiccare il rogo.

 

I pompieri, arrivati alla discarica con cinque mezzi, hanno impiegato ore per domare l’incendio e per fare diminuire il fumo che è stato visto a chilometri di distanza. Rassicurazioni dell’Arpa per i residenti di Mariano e paesi limitrofi: nessun rischio per l’aria dopo gli accertamenti svolti subito dopo. Rimane nell’aria il forte odore di bruciato. Ora anche i carabinieri in campo per poter capire chi è stato a dare fuoco in via del Radizzone