Il 2018 della UnipolSai inizia con una brutta scivolata: ko contro il Santa Lucia Roma foto

Partita giocata sottotono dai ragazzi di Bergna che incassano il primo stop della stagione. I capitolini tornati ai fasti di un tempo......

Sembra essere tornati indietro di due anni: un salto nel passato dove la sfida tra Roma e Cantù era di quelle da segnarsi sul calendario perché perderla sarebbe stato un delitto. Indipendentemente da chi avrebbe vinto. Dopo una stagione in ombra, i romani hanno ripreso il passo delle big del campionato di basket in carrozzina e, in casa loro, dopo aver giustiziato Giulianova prima di Natale, ora hanno fatto lo stesso con i Campioni d’Italia. Un pesante 64-54 racconta una partita interamente dominata dai padroni di casa, determinati e lucidi, mentre la UnipolSai per tutti i 40’ non ha saputo trovare il suo ritmo adeguato. Prima sconfitta stagionale per gli uomini di coach Marco Bergna che vengono raggiunti in classifica da Santo Stefano, mentre Roma consolida la terza piazza davanti agli abruzzesi. Un campionato che si complica ulteriormente e che promette sorprese.

Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile, si è dimostrato così – ha ammesso Bergna -. Siamo arrivati spavaldi, non abbiamo mai trovato il ritmo partita, abbiamo tirato male. Bravi i nostri avversari che hanno disputato una partita perfetta. Sconfitta meritata, non siamo stati capaci di imporre il nostro gioco: 5 falli in due tempi significano che non abbiamo difeso come sappiamo, concedendo troppo a una squadra che si è caricata di questa nostra debolezza. Il secondo quarto ci ha affossato: quel -10 ce lo siamo portato avanti, siamo stati bravi a recuperare, ma ci è mancata la lucidità per ritrovare il feeling col tiro e aggiudicarci questa partita difficile. Bisogna archiviare il prima possibile questa brutta prestazione, tornare in campo e macinare chilometri e sudore. Solo così sapremo affrontare le sfide che ci aspettano”.