Vertemate, ruba profumi dagli scaffali e butta a terra un addetto alla vigilanza: presa foto

I carabinieri di Cantù l'hanno fermata all'esterno del Gigante. E' in carcere con l'accusa di rapina impropria.

Furto, spintoni ad un addetto alla sorveglianza e poi la fuga. I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Cantù, ieri sera, hanno arrestato una ventiquattrenne di origini marocchine, in Italia senza fissa dimora, clandestina. E’ accusata di rapina impropria. In prossimità dell’orario di chiusura, la ragazza è stata notata dal personale della sicurezza del supermercato “il Gigante”, di Vertemate con Minoprio, intenta a sottrarre, dagli scaffali, profumi che poi riponeva in una borsa.

Nel tentativo di superare la barriera dell’anti-taccheggio, è stata intercettata dal personale della sicurezza con il quale è entrata in contatto avendo una lieve colluttazione. Nel tentativo di fuggire ha poi strattonato e spinto un addetto alla sicurezza riuscendo ad uscire dall’area commerciale. Allertato il 112, i carabinieri poco dopo l’hanno rintracciata ed arrestata: era ancora in possesso della refurtiva, tutta restituita ai proprietari