Rapinese lancia un nuovo referendum:”Azioni Acsm da vendere per migliorare Como” foto

Iniziativa presentata questa mattina dal consigliere comunale assieme al collega di partito Anzaldo. La speigazione nelle sue parole.

Alessandro Rapinese ci riprova. Altro tentativo per ottenere un referendum popolare in base allo statuto del Comune di Como. In questo caso – presentato stamane dallo stesso Rapinese e dal collega di partito Fulvio Anzaldo – il quesito riguarda le azioni di Acsm-Agam di proprietà del comune di Como. La proposta di quesito:”Vuoi tu che il comune di Como venda tutte le proprie azioni di Acsm-Agam investendo il ricavato per rendere la città di Como migliore ?”

rapinese presenta referendum su azioni acsm agam

 

In sostanza, la possibilità di vendere tutte le azioni (e sono davvero tante) per poter introitare soldi utili alla collettività. Da Rapinese e dal suo gruppo politico la proposta di realizzare un autosilo nella ex Stecav (vicino al comando della polizia locale), ma anche altri “benefit” per Como. “Siamo talmente democratici da voler mettere a disposizione della giunta Landriscina – ha spiegato Rapinese – tanti soldi  – 42 milioni di euro – per poter fare cose utili”. La raccolta firme per ottenere la consultazione popolare parte ai primi di gennaio, tre mesi per raccoglierne oltre 4.000 (cifra utile per avviare l’iter della consultazione popolare).