L'inchiesta

Blitz degli Skineads a Sant’Eufemia a Como: altri quattro identificati e denunciati

Lo rende noto la Questura di Como. Sono stati scoperti anche grazie alle immagini che girano da ore in rete. Il loro ingrasso, la lettura del comunicato durante i lavori di Como senza frontiere.

Le serrate indagini avviate dalla Questura,  a seguito dell’irruzione di un  gruppo di 13 appartenenti all’associazione di estrema destra “Veneto Fronte Skinheads” ai danni dei partecipanti dell’assemblea pubblica degli aderenti alla rete “Como Senza Frontiere”, svoltasi nella serata del 28 novembre al “Chiostrino di Sant’Eufemia” hanno già dato parziali esiti positivi. La conferma arriva direttamente dalla polizia con una nota stampa

Le immagini dell’incursione, divulgate dalla D.I.G.O.S. ai colleghi, hanno consentito alle Questura di Brescia e Mantova di giungere alla corretta identificazione di altri 4 componenti dell’associazione “Veneto Fronte Skinheads”, già noti per il loro attivismo nell’area lombarda. Altri quattro erano stati subito identificati dalla Digos lariana

Anche a loro carico verrà formalizzata la denuncia per il reato di concorso in violenza privata.

leggi anche
naziskin a como senza frontiere
Senza paura....
Como senza frontiere dopo l’attacco:”Squallida buffonata, non ci facciamo intimidire…”
braga e guerra 2
Interrogazione
Irruzione razzista a Como senza frontiere, caso al Ministro:”Azione grave, no il silenzio”
naziskin a como senza frontiere
Il blitz
Como senza frontiere, provocazione fascista alla riunione: volantino contro l’invasione
regione lombardia palazzo
La polemica
Ancora tensioni sul caso-Como, in Regione nessuna condanna del blitz:”Una vergogna”
skineads veneti in corteo
La svolta
Blitz della Digos a casa degli Skineads veneti: sotto sequestro documenti ed i Pc
commenta