Quantcast

Perché mi stai guardando? A Como la iena Angelo Duro

Più informazioni su

Divertente, irriverente, giovane… e neanche brutto. Ha solo un difetto. O forse no. Angelo Duro è antipatico, vuole esserlo. Dice che è un’arte, un dono, e che a diventar cattivo l’ha imparato dopo varie fregature. Perché lui era, in realtà, un gran bravo bambino, cresciuto nella Sicilia degli anni ’80 ne ’90, eppure è diventato una delle Iene più feroci della TV.

Ed è proprio questa storia, la sua, che ci racconta nello spettacolo di domenica 19 al teatro Sociale di Como. Perché mi stai guardando? è il suo quinto spettacolo teatrale. Un one man show in cui spesso si rivolge al pubblico, con la sua tipica cadenza siciliana e qualche espressione decisamente folcloristica, per dirci come da quel bimbi ubbidiente, si sia trasformato nel Rissono, uno dei suoi più celebri personaggi TV.

Generico

In scena live dal 2007, quasi sempre tenendo da solo il palco per più di un’ora, Duro ha toccato tanti temi che gli stanno a cuore: la sua Sicilia, prima di tutto, onnipresente tanto nella trama quanto nei modi. Il più pungente su questo argomento è forse Angelo DURO and The Pupi’s Swing, dove, recitando e cantando con la sua band intitolata ai pupi siciliani il repertorio swing degli anni ’20-‘50, immagina un futuro apocalittico, in cui soltanto la Sicilia si è salvata e i suoi imprenditori, immobiliaristi abusivi senza scrupoli, sono chiamati a ricostruire l’intero pianeta.

Generico

Nel 2010 entra a far parte del cast delle Iene, su Italia1, e diventa da subito uno dei satiri-disturbatori di punta della trasmissione condotta da Ilary Blasi. Nuccio*Vip, Mariano il Rapper Siciliano, il Rissoso, sono solo alcuni dei suoi personaggi, che prendendo di mira singole realtà, minano di fatto la credibilità di interi archetipi italianissimi.

Nel frattempo è super attivo sui social, Youtube prima di tutti, dove con video brevi, spiazza ogni preconcetto, sostenendo con seriosa enfasi il contrario di ciò che vuole dire, ottenendo migliaia di like e visualizzazioni.

All’inizio dello scorso anno, Fabio De Luigi lo chiama per affiancarlo come co-protagonista nel suo primo film da regista, Tiramisù. Anche per Angelo è un esordio, per la prima volta recita per il cinema. Insomma, grande schermo, TV e teatro; recita, canta, “saltella”, anima i social. Cos’altro ci dobbiamo aspettare?

Ticket disponibili in biglietteria e su www.teatrosocialecomo.it a 14 euro più prevendita.

 

Più informazioni su