CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

A Varese Glocalnews 2017

È davvero articolato il programma di Glocal, la manifestazione voluta dalla testata online di Marco Giovannelli, che andrà in scena a Varese fra il 16 e il 18 novembre, in tante sedi diverse in centro città. Pregio del festival è quello di aver compreso già da anni l’importanza nel mondo del giornalismo della prospettiva glocale, ovvero di uno sguardo che parte dagli eventi micro, quelli delle nostre cittadine, per comprendere il mondo e le sue dinamiche internazionali.

In questi tre giorni di racconto, non soltanto conferenze, ma anche spettacoli, workshop e, ormai immancabili, corsi per i crediti professionali. Gli eventi, tutti ad ingresso gratuito, saranno coordinati da diverse personalità provenienti da tutto il mondo, ospiti davvero di prestigio che danno ulteriore lustro alla manifestazione.

Ma prima di vedere nel dettaglio il programma, bisogna ricordare l’evento più social e originale di questa edizione: il party per i vent’anni dalla fondazione di Varesenews. #ventidinoi è la festa di compleanno non soltanto della testa di Giovannelli, ma anche del modus glocal di fare informazione su internet. Giovedì a partire dalle 20:30, nella Sala Napoleonica delle Ville Ponti, sfilerà tutto il bel mondo del giornalismo Lombardo, con collegamenti video con altre realtà simili a Varesenews, per intenti e filosofia. Partecipare è facilissimo, basta iscriversi gratuitamente dal sito del festival.

Generico

Sempre sul www.festivalglocal.it è possibile vedere l’elenco completo degli appuntamenti e prenotare il proprio posto a ciascuno di essi. I temi trattati sono veramente tanti è davvero eterogenei, ovviamente con un occhio particolare ai temi caldi di questo momento storico nel giornalismo. Si parte infatti giovedì con le fake news, conferenza nella quale interverrà anche Alessandro Galimberti presidente dell’Ordine dei Giornalisti Lombardia. Si parlerà poi di informazione e di pubblica amministrazione, di giornalismo e intelligenza artificiale, di business nel giornalismo locale.

Venerdì invece, insieme ai tanti altri appuntamenti che si terranno anche in contemporanea, si parlerà in particolare, con più conferenze dedicate, di giornalismo alimentare. Ma anche di informazione sui social, del destino dei giornali cartacei, di comunicazione politica, istituzionale e del no profit, di videogiornalismo e di comunicazione cinematografica.

glocalnews

La manifestazione si chiude sabato 18, con conferenze che toccano temi davvero caldi in questo momento, come il diritto all’oblio e quello alla memoria, la gestione dei profili social nel caso di suicidio, l’integrità nel giornalismo storico. E le fake news, di nuovo, questa volta con un occhio di riguardo alle notizie che coinvolgono il tema dei migranti e in generale tutti quegli argomenti in cui è forte il rischio che sia la percezione del lettore a modificare la notizia. Ci sarà anche tempo per fare il punto sul giornalismo digitale, dando i numeri del successo che ha avuto finora e ipotizzando quale potrà essere il suo futuro. Si parlerà di legge grazie alla conferenza dedicata alla riforma del copyright. Non mancheranno neanche conferenze estremamente pratiche, come quella intitolata L’ufficio mobile del reporter su strada, dallo zaino ai gadget indispensabili per lavorare in esterna. Ancora consigli per chi vuole passare dallo scrivere per il giornale ad essere un digital journalist.

Generico

Fra le ultime conferenze del festival, quella assai attuale dedicata all’UNESCO e ai cammini culturali italiani, anche in questo caso con un occhio particolare alla possibilità di gestire la notizia in termini glocal.
Sul sito www.festivalglocal.it è possibile trovare il programma completo della manifestazione ed iscriversi a una o a tutte le giornate, in modo completamente gratuito.