CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Conosciamo il Sassicaia: la star leggendaria dei vini italiani

Più informazioni su

Dalle verdi colline del comune di Castagneto Carducci, nella maremma livornese, fu commercializzato per la prima volta negli anni ’60 quello che oggi viene definito la star dei vini italiani: il Sassicaia. La storia alle spalle di questa produzione si incastona in un meraviglioso mosaico naturale in cui le vigne, protette dalle colline, vengono coccolate dalla brezza marina che le carezza dall’alto degli 80 metri sul livello del mare della Tenuta San Guido, dal quale proviene il Bolgheri Sassicaia DOC.

La storia di questo vino, tra mito e leggenda, si interseca con quella del marchese Mario Incisa della Rocchetta. Agronomo professionista, sposò nel 1930 Clarice della Gherardesca, appartenente a una delle famiglie più prestigiose e influenti della Maremma: dopo un primo periodo dedicato alla selezione di purosangue da corsa, gli sposi decisero di trasformare la proprietà di famiglia a Bolgheri in una fattoria. Mario decise, così, di coronare il suo sogno: produrre un vino per uso personale, applicando i metodi della coltivazione francese e coltivando Cabernet Sauvignon. Dopo aver posto a dimora il vigneto nel 1944, Mario invitò il Barone di Rothschild ad assaggiare questa varietà maremmana di Cabernet Sauvignon, vinificata in maniera però non del tutto riuscita. Il Barone lo definì “Ammirevole, ma selvatico, scontroso”.

Questo e altri commenti poco promettenti da parte dei famigliari e degli amici del marchese della Rocchetta non lo fecero desistere. Decise di impiantare un altro vigneto in una zona piuttosto ripida e rocciosa della tenuta, chiamata Sassicaia in onore del particolare mix di ghiaia e rocce che caratterizzava, e caratterizza tutt’ora, il territorio. Nato come vino da tavola e in una zona per niente conosciuta per la produzione di vini, il Sassicaia conquistò non senza fatica la fama di miglior vino italiano al mondo.

Nel 1974 Luigi Veronelli pose le fondamenta del mito che tutt’oggi aleggia attorno a questo rosso dai profumi eleganti e dal sapore pieno, robusto, asciutto e armonico, degustando l’annata del ’68 e apprezzandone il carattere deciso. Con l’intervento dell’enologo Giacomo Tachis, il quale curò la vinificazione e la maturazione in barriques nelle cantine della tenuta, il vino fu perfezionato ulteriormente, entrando appieno nella Hall of Fame dei migliori vini italiani. Nel 1978, infatti, si tenne una degustazione alla cieca a Londra e il Sassicaia conquistò il primo posto tra i 33 migliori Cabernet Sauvignon prodotti in diversi Paesi del mondo. La fama del vino della Maremma livornese subì un’impennata incredibile che ne ha determinato il mito in tutto il mondo.

Al 5 novembre 1994 risale la nascita del Bolgheri Sassicaia DOC, la prima e unica Denominazione di Origine Controllata italiana attribuita a un’unica azienda vinicola.

Cosa rende speciale il vino Sassicaia?

Il vino Sassicaia ha prezzi piuttosto variabili, che possono superare addirittura i 2000€ per le annate più prestigiose.

Grazie alla sua incredibile capacità di conservarsi e invecchiare alla perfezione, è ancora oggi possibile degustare un calice di Sassicaia 1968 di una delle poche bottiglie rimaste in circolazione.
Ma cos’è che rende speciale questa produzione, oltre alla sua storia leggendaria?
La sua versatilità in quanto ad abbinamenti, che consente a questo vino di sposarsi alla perfezione coi grandi classici della cucina toscana: cinghiale, arrosti, grigliate e cacciagione danno vita a un connubio di sapori a dir poco eccezionale.

Per la produzione di questo vino dal colore rosso rubino intenso e dall’assaggio persistente, ricco e ben strutturato, è consentito l’utilizzo di uve Cabernet Sauvignon (minimo all’85%) e di un 15% al massimo di altre uve a bacca rossa.

Trovino: acquistare il Sassicaia tra decine di offerte al prezzo migliore

Come abbiamo avuto modo di accennare il Sassicaia ha un costo piuttosto elevato: Il prezzo del Sassicaia, in media, si aggira tra i 150 e i 160 euro a bottiglia. Soprattutto per le annate migliori, i costi a bottiglia si impennano vertiginosamente fino a raggiungere anche le quattro cifre: stiamo parlando di un vino invecchiato in barrique di rovere francese per un periodo complessivo di 24 mesi, al quale fa seguito un ulteriore periodo di 6 mesi di affinamento in bottiglia. Frutti rossi, erbe aromatiche e noci tostate colpiscono il palato all’assaggio, che risulta avvolgente e dal finale persistente. Alcuni di questi sentori, donati al Sassicaia dall’invecchiamento a contatto col legno, garantiscono un equilibrio strutturale semplicemente incredibile.

Per reperire un Bolgheri Sassicaia DOC dalla storica Tenuta San Guido, Trovino è lo strumento ideale.
Non stiamo parlando di un semplice comparatore di prezzi, bensì di un vero e proprio motore di ricerca di vini online, che consente di accedere virtualmente ad alcune delle più prestigiose enoteche italiane.
Con oltre 8 pagine dedicate ai prezzi del Sassicaia, Trovino offre la possibilità di navigare tra le proposte dei negozi presenti, confrontare i prezzi, consultare alcune informazioni sugli abbinamenti ed eventualmente aprire la scheda negozio per approfondire caratteristiche e servizi di ogni venditore.

Per vivere un travolgimento sensoriale unico e un’esperienza organolettica intrigante e indimenticabile, stappare una bottiglia di Sassicaia renderà le occasioni speciali ancora più esclusive. Un vino nato come semplice vino da tavola, nel quale chi ha voluto impegnarsi per produrlo ha visto sin da subito le potenziali caratteristiche uniche e ineguagliabili. Il Sassicaia è la vera star dei vini italiani. Grazie a Trovino portarla a esibirsi sulle nostre tavole sarà ancora più semplice.

Più informazioni su