CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

UnipolSai-Briantea84, ecco l’argentino Esteche:”Un onore essere qui da voi…” foto

La soddisfazione del giocatore scelto dalla squadra campione d'Italia: medaglia di bronzo alla recente Coppa America con la sua nazionale. Entusiasta della BRianza.

È l’argentino Alberto Esteche, play-guardia, il giocatore che completa la rosa della UnipolSai Briantea84 (basket in carrozzina) per la stagione 2017-18. Classe 1990, recente medaglia di bronzo in Coppa America con la Nazionale argentina (valida per la qualificazione ai Mondiali di Amburgo 2018), insieme al connazionale e, da pochi giorni, compagno di club Adolfo Berdun.

Ho sempre desiderato giocare in Europa – il commento di Esteche, in Brianza da pochi giorni -, e quando mi venne data l’opportunità nel 2013 di trasferirmi in Spagna lo feci con l’obiettivo di imparare e maturare un’esperienza tale da permettermi, un giorno, di ambire a club importanti e impegnati in competizioni di alto livello. La UnipolSai Briantea84 è sicuramente una delle squadre più prestigiose d’Europa, ho sempre sognato di vestire la maglia di un club così. Oggi è un onore per me essere qui ed essere parte di questa società. Arrivo con molto entusiasmo e con tanta voglia di migliorare – giorno dopo giorno – per garantire alla squadra il massimo del mio contributo. I titoli sono il risultato del lavoro di un intero gruppo, sono certo che sapremo combattere per tutto quello per cui saremo chiamati in campo”.

 

LA CARRIERA – Quella con il basket in carrozzina è una storia iniziata nel 2006 in forza al club argentino del Cedic di Buenos Aires. Sulla strada della palla a spicchi un’incidente durante la notte di capodanno, a dieci anni, quando una pallottola vagante provoca a Esteche una lesione spinale. “Ho conosciuto la pallacanestro in carrozzina  – spiega – grazie ai medici che, dopo l’incidente, mi suggerirono di praticare sport come strumento di crescita personale. Iniziai con il nuoto ma non faceva per me, ero affascinato dalle dinamiche di squadra e così scelsi il basket”.