Cinema Astra pronto al rilancio. La stagione inizia con Silvio Soldini foto

La bella notizia è che il cinema Astra non lascia anzi, quasi quasi raddoppia. Il segnale di allarme era stato lanciato dall’unica sala cinematografica rimasta in centro città lo scorso gennaio in occasione della presentazione del Festival del Cinema Italiano di Como. Problemi di ordine economico dovuti ad un aumento del canone di locazione e alla contestuale diminuzione degli spettatori attratti dal nuovo multisala aperto a Cà Merlata avevano indotto l’ACECC, che gestisce il cinema, a pensare alla chiusura dell’Astra che per la sua storia e la sua vocazione è, a tutti gli effetti, una sala della comunità comasca dal 1968. Ma come a volte capita quando si è quasi a fondo, moltiplicando gli sforzi e approfittando di un po’ di buena sorte si riesce a risalire.

Astra stagione 2017/18

Dunque il Cinema Astra di Como è pronto a inaugurare la stagione cinematografica 2017 – 2018 con rinnovate speranze. Grazie al sostegno morale di tutti coloro che hanno a cuore le sorti di questo cinema, grazie all’impegno concreto della Curia e alla disponibilità della parrocchia di San Bartolomeo, proprietaria dello stabile in affitto, grazie alla generosità di chi vi lavora, l’ultimo schermo sopravvissuto in convalle può riaccendersi di sogni, storie, immagini del mondo che viviamo. I problemi permangono, anche molto pressanti, ma il pericolo della chiusura, pur non eliminato, è ad oggi meno incombente.

Astra stagione 2017/18

“Sarà fondamentale, soprattutto quest’anno, – dice don Tiziano Raffaini responsabile dell’ACECC – Associazione Cattolica Ente Comasco Cinema – avere un importante segnale di presenza in sala da parte degli affezionati ma anche di chi, semplicemente, ama il cinema di qualità vissuto insieme con sguardo consapevole. Da parte dell’ACECC ci sarà il massimo impegno a offrire un servizio ancora più attento e in stretto dialogo col territorio”.

L’iniezione di ottimismo arriva da Paolo Lipari, fresco di nomina a Presidente ACECC: “E’ stato fissato un progetto di rilancio che ha come punto fondamentale l’assunzione da parte dell’Astra di un ruolo nevralgico all’interno della nostra comunità, quale punto di riferimento culturale e sociale per tutto il territorio. In viale Giulio Cesare, 3 non è rimasto soltanto l’ultimo grande schermo della città ma una vera e propria casa pronta ad accogliere chiunque la voglia sentire sua”. 

Non manca l’energia e l’entusiasmo a Lipari e i suoi per questo Cinema Astra 2.0 come è stato definito, certo la chiamata del presidente al “popolo del cinema”  e alla cultura tutta è risuonato forte e chiaro, e i mezzi per rispondere concretamente sono stati messi in campo come ci spiega lo stesso Paolo Lipari in questa intervista

Il cambiamento è nell’aria e all’Astra non vedono l’ora di mettersi alla prova, un po’ come ai protagonisti nel film di Silvio Soldini “L’aria serena dell’ovest” spinti dal vento del cambiamento. Proprio Soldini terrà a battesimo la stagione 2017/18 del cinema comaco in una serata evento per festeggiare l’inizio di una nuova avventura.

Un esordio speciale 

Al Cinema Astra giovedì 21 settembre, alle ore 21, un ospite di grande prestigio e un film che ha avuto un ottimo riscontro al recente Festival di Venezia: il regista Silvio Soldini accompagnerà il suo ultimo film “Il colore nascosto delle cose”, con Valeria Golino e Adriano Giannini.

Per il Cinema Astra si tratta di riabbracciare un vero amico. Silvio Soldini era già intervenuto due volte al Festival del Cinema italiano: l’ultima volta a febbraio, in occasione della proiezione dell’apprezzatissimo “Il fiume ha sempre ragione” e due anni fa, per presentare “Per altri occhi”, proprio il documentario sui ciechi da cui il regista ha tratto ispirazione per questa sua opera. Il film infatti è una commedia sentimentale che racconta una complessa storia d’amore tra due personaggi in partenza distantissima tra loro: un pubblicitario sciupa-femmine e una non vedente con una sensibilità e una profondità d’animo del tutto particolari.

Astra stagione 2017/18

In sintesi, ecco i punti salienti della nuova stagione:

 

Un cineforum unico in Italia

Forse non tutti sanno che il cineforum del cinema Astra per longevità e numero di iscritti ha un primato nazionale. Giunto alla sessantaquattresima edizione, il cineforum si propone come occasione imperdibile per appassionati e non solo di godere dei migliori film dell’ultima stagione in una cornice critica che invita alla riflessione, al dibattito, al confronto.

Quest’anno i film proposti saranno 22, tutti accompagnati da una presentazione e arricchiti da un dibattito. Ad ogni iscritto  sarà riservata una serie di benefit, assicurati dalla tessera “Amico dell’Astra”, finalizzati a premiare la fiducia accordata: 1 – ingresso al cinema per tutta la stagione e qualsiasi spettacolo a soli 6 euro, 2-  sconto del 25% per la tessera del Festival del cinema italiano; 3-  libero accesso alla videoteca dell’ufficio dell’ACECC, un giacimento di 2500 dvd e blu ray; 4 – altre sorprese ed eventi ancora da definire.

I film verranno proposti ogni martedì e mercoledì in una doppia proiezione (alle ore 15 e alle ore 21). Il costo della tessera per assistere a tutti i film del cineforum costa solo 100 € (80 € per chi presenta un nuovo nominativo, 65 € per i giovani dai 18 a i 28 anni). E’ già possibile iscriversi presso l’ufficio Acecc in via Sirtori n. 5  (dal lunedì al venerdì ore 9-12 e ore 14-17) o presso la biglietteria del cinema Astra.

Il programma del Cineforum è disponibile al cinema Astra o sul sito www.cinecircolo.it

 

Dialogo col territorio      

Il cinema Astra si impegnerà quest’anno ad assumere in modo ancora più ampio e incisivo il proprio ruolo di “sala della comunità”. Per questo il cinema si rende disponibile a dialogare con tutte le associazioni e gli enti attivi nel sociale per ospitare ed eventualmente organizzare eventi insieme.

Al proposito il Cinema Astra, in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi di Como, ha visto accolta la propria richiesta di aderire al progetto Cinema senza barriere proposto da A.I.A.C.E. Per promuovere la cultura del rispetto e dell’integrazione e consentire anche a chi ha problemi di vista o di udito di andare al cinema insieme agli amici, ai parenti, alla normale utenza, saranno programmati alcuni film con audiocommento per non vedenti e sottotitoli per non udenti.

In sintonia proprio con una delle scene più significative del film di Soldini, i non vedenti potranno ascoltare, attraverso una cuffia a raggi infrarossi, un commento audio, con dati aggiuntivi rispetto ai dialoghi del film.

I non udenti potranno invece leggere i sottotitoli contenenti le didascalie con indicazioni sui rumori e i suoni, oltre che sulla colonna sonora.

Come e ancor più della passata stagione, saranno poi programmate serate, cicli, eventi per l’approfondimento di specifici temi. Tra le iniziative in programma FEDI IN GIOCO – Cinema e dialogo interreligioso. Quattro i film, tre dei quali inediti, proposti con cadenza settimanale che affrontano il tema del credere nella società contemporanea, nella prospettiva dialettica tra pubblico e privato. Ci sarà anche una tavola rotonda tutta al femminile nella quale donne di diverse religioni racconteranno la propria esperienza del velo fuori dai cliché e dai pregiudizi.

Intenso e stimolante anche il rapporto con le scuole del territorio. Solo per citare alcuni appuntamenti: Schermi di classe, l’iniziativa promossa dalla Regione Lombardia che permette agli studenti di andare al cinema gratuitamente con una variegata proposta di film da approfondire; il consueto appuntamento con la Giornata della Memoria; e novità assoluta di quest’anno il progetto Cinema e tessuto pensato per gli alunni della scuola primaria G.C. Venini. In un matinée d’eccezione, in occasione della proiezione del film La storia della principessa splendente, la sala del cinema Astra si ricoprirà di stoffe multicolori in un percorso ludico creativo.

 

Il Festival del cinema italiano

Divenuto appuntamento tra i più attesi nella vita culturale del territorio, il Festival del cinema italiano proporrà la sua tredicesima edizione dal 3 all’11 febbraio con la presentazione del miglior cinema nazionale, ospiti prestigiosi, eventi speciali. Il programma è in corso di definizione.

 

Un fondo per salvare il cinema

Gli amici dell’Astra sono veramente tanti. La petizione per la sua salvaguardia promossa durante il Festival del cinema italiano dello scorso febbraio lo ha dimostrato con chiarezza: più di duemila firme raccolte in una sola settimana. Ora però occorre che chi ha veramente a cuore le sorti di questo cinema sia disponibile a dimostrarlo anche con gesti concreti. Per aiutare i comaschi a dare prova del proprio affetto verso questa sala è stato istituito, presso la Fondazione Provinciale della Comunità comasca, il Fondo Cinema Astra. Presso il cinema possono essere ritirati i relativi bollettini oppure è possibile donare on line attraverso il link pubblicato sul sito del cinema Astra.

Insomma, inaugurato il 30/11/1968, il cinema Astra si prepara con nuovo entusiasmo a festeggiare i suoi primi 50 anni.