CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Che brutta Pallacanestro Cantù: Cremona la schiaccia con 35 punti di scarto! foto

Non mancano le attenuanti a coach Bolshakov: panchina corta e l'infortunio di Culpepper, l'unico in grado di tenere il passo con gli avversari. Domani sfida a Varese.

Brutta serata e prova sottotono – complici anche le tante assenze – per la Pallacanestro Cantù, uscita sconfitta 62 a 97 dalla Vanoli Cremona nel Trofeo Lombardia di Desio. I biancoblù di Bolshakov, perdono la semifinale del “Trofeo Lombardia” contro un’avversaria molto più in forma. E domani la finale 3°/4° posto contro la Pallacanestro Varese.

A sorpresa, coach Bolshakov schiera Culpepper in quintetto, tornato sul parquet dopo aver saltato le amichevoli di Bormio contro Olimpia Milano, Tofas e Galatasaray. Il nativo di Memphis figura nei cinque titolari insieme a Parrillo, Chappell, Maspero e Crosariol. Partenza positiva della Vanoli, avanti 7 a 2 dopo i primi minuti di gioco. Gli avversari provano subito a scappare ma, grazie ad uno spunto di capitan Chappell, la Pallacanestro Cantù riesce a tenersi ad un possesso di distanza, nonostante alcune difficoltà nella metà campo offensiva nelle battute iniziali. Ospiti avanti 11 a 7 dopo cinque minuti di gara. Poco dopo applausi a scena aperta per “Sasà” Parrillo, feroce a rimbalzo come un lungo. Grinta di Parrillo a parte, nella prima frazione Cantù soffre, chiudendo sotto 19 a 10.

Nel secondo quarto gli ospiti prendono il largo: al 12’ Sims schiaccia al ferro il +14 (13-27), mentre Cantù fatica a trovare la via del canestro. Tuttavia, i biancoblù riescono a tenere botta grazie alle due triple consecutive di Culpepper (18-29). Ma la sostanza non cambia, Drake Diener e Sims continuano a guidare l’attacco di coach Sacchetti, aumentando il distacco di tredici lunghezze dopo un quarto d’ora di gioco. Charles Thomas  e Culpepper prendono la mira dall’arco dei tre punti, riuscendo a limitare i danni. Ma Cantù fatica a tenere il passo, coach Bolshakov tenta dunque la carta Cleveland Thomas, esterno americano aggregato al rooster biancoblù per colmare l’assenza della coppia Smith- Cournooh. 14 punti per Culpepper nel solo primo tempo, top scorer del match dopo 20’ di gioco.

Nel secondo tempo Cantù è anche sfortunata, Culpepper si accascia a terra per un brutto colpo subito, uscendo dal campo zoppicando sul -20 (37-57). Panchina cortissima, i biancoblù soffrono con il passare dei minuti. Il vantaggio della Vanoli aumenta: Ricci sigla il canestro pesante del +22 (42-64), il pubblico brianzolo rumoreggia e la squadra di coach Bolshakov appare sempre più sfiduciata dal risultato. Al 30’ il tabellone premia la formazione cremonese, sopra 77 a 54.

Nella quarta frazione Charles Thomas e capitan Chappell tentano di prendere per mano l’attacco canturino ma la Vanoli pesca il jolly con il veterano Travis Diener, suo il canestro del +25 (56-81). Da un Diener all’altro, Drake – cugino di Travis – scava il solco: Cremona sfiora i 30 punti di vantaggio, Cantù molla definitivamente il colpo. Trenta punti di scarto che gli ospiti trovano in contropiede, grazie alla schiacciata di Portannese in campo aperto (60-90). A due minuti dalla fine, Cantù perde anche Crosariol per cinque falli, chiudendo sotto di trentacinque punti: 62-97.

PALLACANESTRO CANTÙ- VANOLI CREMONA 62-97 (10-19, 30-49; 54-77, 62-97)

CANTÙ: CL. THOMAS 2, CULPEPPER 17, PAPPALARDO n.e., COURNOOH n.e., PARRILLO 2, TASSONE 0, CROSARIOL 2, MASPERO 1, RAUCCI 0, CHAPPELL 15, VAI 5, CH. THOMAS 18. ALL. BOLSHAKOV
CREMONA: KELVIN 4, GAZZOTTI 16, T. DIENER 11, RICCI 8, RUZZIER 15, PORTANNESE 10, ARIAZZI 0, SIMS 16, D. DIENER 13, MILBOURNE 4. ALL. SACCHETTI