CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Back to routine: 1 lombardo su 2 ha pensato di cambiare lavoro durante le vacanze

Più informazioni su

Le vacanze volgono al termine ed il pensiero di rientrare al lavoro inizia a martellare nelle menti di chi è ancora in spiaggia per godersi gli ultimi attimi di relax, per non parlare di chi è già rientrato in ufficio e le ferie sono solo un ricordo lontano ed affievolito.

Un sondaggio Groupon ha indagato come affrontano gli italiani ed in particolare i lombardi il rientro alla routine quotidiana ed il “male di vivere” legato al ritorno alla realtà. Il primo dato che emerge dai risultati è che 1 lombardo su 2 durante le vacanze ha pensato almeno una volta di cambiare lavoro, mollare tutto e probabilmente cambiare vita.

Ma quali sono le motivazioni che si celano dietro a questa risposta? Il 48% degli utenti lombardi si sente stressato dalla fatica mentale causata dagli impegni lavorativi, seguito dal 27% che sente la pressione delle scadenze strette e dal 13% che dichiara di avere problemi con i capo. La competizione sul lavoro occupa l’ultima posizione.

post vacanza

A proposito di capo, l’indagine Groupon svela che il 57% dei lombardi vorrebbe trovarsi un capo più rilassato e più flessibile, il 17% vorrebbe che fosse meno accentratore e meno egocentrico, ma c’è un ottimo 26% che risponde che il suo capo è perfetto così com’è.

Per quanto riguarda i colleghi, invece, il 50% delle persone lombarde vorrebbe che fossero più collaborativi, seguito naturalmente dal 22% che li vorrebbe più amichevoli e dal 17% che li vorrebbe più competenti. Solo l’11% vorrebbe dei colleghi meno competitivi, forse perché in fondo la competizione aiuta ad essere più stimolati e a dare il meglio.

post vacanza

Se proprio non si può fare a meno di rientrare al lavoro, quali sono le molle che spingono i vacanzieri al ritorno? Il 55% degli utenti lombardi di Groupon rientrerebbe in ufficio solo se non ci fosse il rischio di venire travolto dal lavoro e riuscire a mantenere un po’ di tempo per sé stessi…. Vana speranza! Al secondo posto i più concreti: il 31% dei lombardi rientra solo a fronte di un aumento di stipendio. Infine, gli amanti della solitudine e del silenzio: il 6% odia l’open space ed il caos che vi regna sovrano e sogna un ufficio tutto per sé per il rientro. Solo l’8% vota per un cambio di capo.

Il rientro dalle vacanze non riguarda però soltanto l’aspetto lavorativo, ma più in generale la ripresa delle abitudini e della tanto amata-odiata routine. Groupon ha chiesto ai suoi utenti cosa li traumatizza di più di questo rientro: il 34% dei lombardi è terrorizzato dalla fiumana di piccoli problemi quotidiani che affliggono le loro giornate, mentre il 25% inorridisce alla sola idea di sentire la sveglia suonare tutti i maledetti giorni alla stessa maledetta ora, pronta a scandire l’inizio di un’altra interminabile giornata. Chiudono la classifica dei traumi cittadini la vita da pendolare (sai quanto esci di casa ma non sai quando torni) ed il traffico in macchina.

post vacanza

E se lo stress fosse in vacanza? Oltre 7 lombardi su 10 non hanno dubbi: non si è mai stressati in vacanza. Eppure c’è qualcuno che non è contento (8%) perché ha assecondato le scelte di parenti/amici e non ha scelto la meta ideale per sé stesso, qualcuno che ha completamente toppato meta (5%), qualcuno (4%) che non ne poteva più e voleva tornare alla propria vita quotidiana e qualcuno (7%) che si è annoiato per la troppa monotonia ed i pochi stimoli.

Rimanendo sugli stimoli, bisogna pur trovare delle motivazioni per affrontare il lavoro con la prospettiva di   vedere la luce a fine giornata. Il 43% degli utenti lombardi trova la sua serenità nelle vasche in piscina, il 34% nel tapis roulant in palestra ed il 23% nella voglia di riprendere i corsi a settembre come l’inglese (16%) ed il teatro (7%)… magari per abbandonare l’ufficio e darsi una volta per tutte al palcoscenico!

 

Più informazioni su