CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

8 settembre 1943 – 8 settembre 2017 Cerimonia del Comune di Cernobbio e degli Schiavi di Hitler al “Luogo dei Giusti–Giardino G. Perlasca” foto

Più informazioni su

Nel 74° anniversario dell’annuncio dell’Armistizio con le forze angloamericane durante la II guerra mondiale da parte del Governo presieduto dal Maresciallo Badoglio, evento che diede inizio al periodo più violento e cruento della II guerra mondiale anche nel nostro territorio e che sancì anche l’internamento in Germania di numerosi soldati e persone nelle fabbriche del III Reich dove cercarono di sopravvivere in condizioni disumane, l’Amministrazione Comunale di Cernobbio, sempre molto attenta all’importanza della memoria storica, insieme al Centro Studi “Schiavi di Hitler” intende ricordare tale avvenimento nel corso di una cerimonia che si svolgerà venerdì 8 settembre 2017, alle ore 11.00, presso il “Luogo dei Giusti – Giardino G. Perlasca” a Cernobbio.

8 settembre commemorazione

«L’8 settembre ricorda sì la data dell’annuncio dell’armistizio con gli Alleati, firmato qualche giorno prima a Cassibile, e della fine dell’alleanza militare con la Germania nazista – sottolinea il sindaco di Cernobbio, Paolo Furgoni – ma anche la data della dissoluzione dell’esercito italiano e della cattura di centinaia di migliaia di militari. Rappresenta la data di inizio della Resistenza contro i tedeschi e contro le forze fasciste che poi diedero vita alla Repubblica Sociale. Rappresenta, come già disse il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, la data di morte di una certa idea di Patria, quella fascista, ma anche la nascita di un’altra, ovvero della nostra Italia Democratica. Per questo ci sembra importante ricordare con una cerimonia tutto questo».

8 settembre commemorazione

«In seguito all’8 settembre militari e civili furono vittime della paralisi di una classe dirigente compromessasi con la dittatura fascista e responsabile della guerra d’aggressione in alleanza con la Germania nazista – rileva Valter Merazzi, presidente del Centro Studi ‘Schiavi di Hitler’ che ha sede a Cernobbio – A prezzo di enormi sacrifici e sofferenze molti italiani seppero reagire. La Resistenza, senz’armi dei militari internati in Germania e dei tanti civili che in Italia non collaborarono con gli oppressori e misero a rischio la loro vita nell’aiuto a quanti erano perseguitati, diede forza alle formazioni partigiane e fu la linfa del Movimento di Liberazione. Prima dell’agognata fine della guerra questi uomini e queste donne costruirono le premesse di una nuova Italia».

8 settembre commemorazione

Alle cerimonie commemorative dell’8 settembre hanno dato la loro adesione anche ANPI provinciale di Como, ANPPIA (Ass. Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti) di Como, l’Istituto di storia contemporanea “Pier Amato Perretta”.

Oltre alla cerimonia cernobbiese il Centro Studi Schiavi di Hitler terrà una seconda cerimonia a Como, presso il Monumento alla Resistenza Europea alla lapide degli Schiavi di Hitler, alle ore 17.00.

8 settembre commemorazione

Più informazioni su