CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Uomo economico o cerebrale? L’economia da Adam Smith alla neuroscienza nella conferenza del professor Guala

Più informazioni su

Lunedì 28 agosto alle ore 21.00 presso la Sala Stemmi di Palazzo Cernezzi a Como la Fondazione Volta organizza la conferenza “Uomo economico o cerebrale? L’economia da Adam Smith alla neuroscienza” con il prof. Francesco Guala, dell’Università degli Studi di Milano.

La teoria della decisione razionale è un mattone fondamentale della teoria economica contemporanea. Pur essendo consapevoli dei suoi limiti — è ovvio che le persone normali non sono in grado di comportarsi sempre in modo razionale — nel passato gli economisti si sono accontentati di questa teoria perché ritenevano impossibile scrutare nella mente degli individui mentre prendono decisioni. Oggi invece questo è diventato possibile, grazie agli sviluppi della psicologia e delle neuroscienze. Scavando nella mente (e nel cervello) di manager, politici, e consumatori, gli economisti hanno potuto studiare i limiti cognitivi che impediscono di comportarci in modo ottimale, ma anche capire come l’intuizione e le emozioni talvolta funzionano meglio del calcolo razionale.

La conferenza fa parte di “La Fondazione Alessandro Volta Incontra, ciclo di incontri pubblici con tema la scienza, la letteratura, l’arte e la musica che la Fondazione desidera offrire alla città ogni anno tra la primavera e l’autunno.

Ingresso gratuito. Per informazioni ed iscrizioni: https://conferenza28agosto.eventbrite.it/

fondazione volta conferenza

Francesco Guala – Università degli Studi di Milano. Dopo avere studiato filosofia alla London School of Economics (PhD), Francesco Guala ha insegnato per molti anni all’Università di Exeter, Gran Bretagna. Nel 2009 è tornato in Italia grazie al programma per il “Rientro dei Cervelli” e attualmente è Professore Associato presso il Dipartimento di Economia dell’Università di Milano. Si occupa prevalentemente di filosofia dell’economia e delle scienze sociali, con un particolare interesse per il metodo sperimentale. Nel 2002 ha vinto l’INEM Prize e l’History of Economic Analysis Award, entrambi per il miglior articolo scritto da un giovane ricercatore nei campi, rispettivamente, della filosofia e della storia dell’economia.

Più informazioni su