CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Paura in centro Como: tornano a casa, tre ragazze aggredite da uno straniero foto

E' successo nella notte in piazza Vittoria. La polizia rintraccia subito l'autore, già colpito da decreto di espulsione. Ha minacciato gli agenti con un bastone.

Paura in centro Como la notte scorsa attorno alle 2. Da quanto ricostruito, infatti, in questa Piazza Vittoria si è verificata un’aggressione ai danni di tre giovani ragazze che stavano rientrando verso casa. Le giovani venivano avvicinate alle spalle da un uomo, che improvvisamente e senza alcun plausibile motivo ne assaliva una a calci, facendola rovinare a terra, mentre le amiche reagivano a sua difesa, per poi essere a loro volta picchiate dall’uomo. In loro difesa sono intervenuti alcuni avventori ed il gestore di un chiosco che hanno visto la scena.

Immediato è stato l’intervento di una pattuglia della Polizia di Stato, appartenente alla Squadra Volante, che acquisite le prime informazioni sull’aspetto dell’aggressore e la direzione di fuga, lo ha rintracciato dopo pochi minuti: si tratta di un giovane nigeriano (A.P. del 1993), corrispondente alla descrizione fornita, che veniva successivamente riconosciuto dalle vittime come autore del fatto.

Al momento del fermo (in via Cadorna), il giovane si opponeva per pochi con un’asse di legno in mano.  L’uomo, già noto a quest’Ufficio, condotto poi in Questura e sottoposto a controlli di rito, risultava destinatario di un provvedimento di espulsione, emesso del Questore notificato in data 5 agosto 2017. Lo stesso nigeriano è stato denunciato per violenza a pubblico ufficiale e possesso di oggetti atti ad offendere, oltre ad esser stato invitato ad eseguire l’allontanamento dal territorio nazionale entro i termini prescritti.

Le vittime dell’aggressione, soccorse e trasportate da personale del 118 presso il pronto soccorso dell’Ospedale Sant’Anna, riportavano lesioni lievi guaribili in massimo sette giorni. Non hanno ancora presentato denuncia nei confronti del loro aggressore