CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Quasi 600 lombardi in pellegrinaggio domenica 6 al santuario mariano di Loyrdes

Quasi 600 lombardi parteciperanno da domenica sera, 6 agosto, a venerdì 11 agosto, al tradizionale pellegrinaggio al santuario mariano di Loyrdes. Provengono da tutta la regione, anche se i gruppi più numerosi sono di Mantova, Como. Busto Arsizio, Crema, Legnano, Varese.

Il pellegrinaggio sarà guidato da Mons. Giuseppe Merisi, insieme a undici sacerdoti delle diocesi lombarde;  una decina di medici  avranno cura, daò èimto di vista sanitario, delle circa 150 persone che presentano difficoltà e che hanno scelto l’Unitalsi come strumento per vivere insieme l’esperienza del pellegrinaggio.

Quasi duecentocinquanta saranno le sorelle di carità ed i barellieri ai quali affidare i vari servizi alle persone in pellegrinaggio ( ospitalità presso le Case dell’Unitalsi, partecipazione alle vaie funzioni, momenti di amicizia e di visita ai vari luoghi legati alla vita di santa Bernadette, ecc.).

Vittore De Carli2

“grande è stato lo sforzo organizzativo e aggregativo che le nostre sottosezioni hanno svolto in questi mesi per poter confermare questo tradizionale pellegrinaggio estivo come uno dei più numerosi e partecipati della nostra vit associativa – ci spiega il Presidente regionale Vittore De Carli – la presenza numerosa di personale di assistenza giovane ci sta ad indicare come l’esperienza del pellegrinaggio, fatta al servizio di coloro che hanno difficoltà a viverla da soli, è ancora capace di attrarre le persone giovani che vogliono fare qualcosa per gli altri. Toccherà poi ai vari gruppi sul territorio fare in modo che questi giorni di esperienza di preghiera, servizio alle persone in difficoltà, amicizia gioiosa, silenzio e raccoglimento possano sfociare in un servizio unitalsiano sul territorio che si sviluppi, nelle sue varie modalità e fantasie, per tutto l’anno. Il pellegrinaggio diventerà allora il momento straordinario forte che fa nascere e favorisce la quotidianità della vita di fede e di carità”