CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“Quei cartelli ingannevoli: ma perchè ci fanno andare solo sulla provinciale ?” foto

La richiesta arriva in redazione dopo la chiusura di via Rienza e via Zampiero, strade utilizzate da decine di automobilisti in particolare nelle ore di punta per arrivare prima a Como. Eppure l'alternativa c'è anche se non è segnata......

La protesta, civile, ma decisa, arriva alla redazione di CiaoComo sotto forma di mail. Spedite da alcuni nostri lettori che ci hanno anche trasmesso alcune foto di corredo per meglio dare una spiegazione alla lamentele. Ebbene si, arrivando a Tavernerio da Erba – e volendo percorrere la via Rienza per arrivare a Como – ecco che proprio all’inizio di Tavernerio c’è un grande cartello che avvisa della chiusura in atto con deviazione sulla provinciale passando da Lipomo. Corretto si, ma secondo i nostri lettori non del tutto giusto. “Ho visto il cartello – spiega Marco Nava, erbese – e allora ho proseguito sulla provinciale come indicava la freccia. Ma poi un collega – aggiunge – mi ha detto che lui ha fatto lo stesso la strada fino a Camnago dove effettivamente c’è la chiusura (per alcuni lavori di sistemazione in via Rienza) ed ha proseguito su via Pannilani. Strada stretta d’accordo, ma comunque permette a molti di restare imbottigliati sulla provinciale tra Lipomo, Lora e San Martino. Mi chiedo – e lo chiedo anche alla vostra redazione – conclude Marco – perchè a Tavernerio non viene indicata anche questa possibilità e si opta solo per la deviazione sulla trafficatissima provinciale ?“. Stessa domanda che arriva anche da altri lettori di CiaoComo in queste ore e che noi giriamo al comune di Tavernerio.

I lavori in via Rienza – sistemazione di due muri crollati uno dopo l’altro per il maltempo – proseguiranno ancora per un paio di settimane almeno. Resta in vigore la deviazione su via Pannilani con deviazione proprio a Camnago e poi la classica provinciale con inevitabili code a Lipomo e Lora prima di arrivare a Como.