CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Landriscina deve cercare il super-assessore donna: poco tempo per la scelta foto

Il sindaco di Como alle prese con una giunta non ancora pronta. Sicura la Locatelli sua vice, per Forza Italia anche l'altra Locatelli e Pettignano.

Forza Italia sbatte ancora la porta in faccia alla sua capolista delle ultime amministrative. Niente da fare per Anna Veronelli, tanti anni in Comune, esperienza da vendere con la giunta Bruni. D’accordo, è stato il passato, ma poteva essere utile per il futuro. Invece no. Sindaco e qualche “pressione” di troppo nel partito l’hanno esclusa dai giochi per le poltrone che contano nella giunta cittadina. Del resto era già abbastanza scontato il suo no dopo che in piena campagna elettorale è stata clamorosamente – e pubblicamente, durante il dibattito al Sociale – sconfessata ed estromessa per “colpa” del suo passato con Bruni. Per Lei ci sarà – lunedì la conferma – la presidenza del consiglio comunale cittadino e stop. Forza Italia ha indicato il secondo assessore dopo Amelia Locatelli: è Francesco Pettignano che entra in giunta con compiti magari secondari, ma ci entra dopo tanti anni di consiglio. Scelta ieri sera nella riunione, a tratti dai toni pesanti, del partito per la resa dei conti.

Pettignano e Locatelli per Forza Italia, la Lega è sicura dell’altra Locatelli (Alessandra, coordinatrice cittadina del partito) come vice-sindaco e di Adriano Caldara per il bilancio. La lista civica Insieme mette in campo Marco Galli come assessore allo sport ed Elena Negretti (la capolista e fedelissima di Landriscina) al personale e altre deleghe minori. Poi c’è Marco Butti per Fratelli d’Italia. Resta da trovare l’assessore numero otto: una donna con ampi poteri e sopratutto l’ok del sindaco. Sarà lei ad occuparsi di Urbanistica e lavori pubblici, in pratica le deleghe degli assessori Spallino e Gerosa nella giunta di Lucini.

Ma c’è poco tempo per trovare il nome. Landriscina deve fare in fretta perchè lunedì prossimo deve andare in aula per il primo consiglio. E la giunta deve essere pronta ed operativa. Il primo cittadino è fiducioso di poter completare il tutto in pochi giorni e poi iniziare il tanto lavoro che lo aspetta.